Davide Reviati

Classe 1966, non inizia la sua carriera di autore di fumetti sull’impronta del realismo. Tra le sue prime opere, negli anni ’90, ci sono le avventure di Drug Lion, leone anticonvenzionale in cui già l’autore mostra una certa sensibilità. In seguito lavora come pittore ed illustratore, esponendo in varie occasioni le sue opere e collabora con numerose riviste e quotidiani. Il 2009 è l’anno in cui compaiono in libreria Dimenticare Tiananmen e Morti di sonno, due intensi romanzi grafici. Nel primo (per le Ed. BeccoGiallo) prende spunto dal famoso episodio di repressione da parte del governo cinese di una protesta pacifica, mentre il secondo riprende alcuni momenti di vita del piccolo mondo venutosi a creare nel polo petrolchimico di Ravenna, tra partite a pallone e problemi di tossicodipendenza. Quest’ultima opera gli ha fruttato il conferimento di vari premi, sia in patria che all’estero.

ALTRI ARTICOLI
Torna su