Fumetti di Cane presenta: Off-Life

Fumetti di Cane presenta: Off-Life
Soddisfare il bisogno umano di essere visti, compresi e amati diventa complesso quando a interferire sono dinamiche familiari disfunzionali.

Comunicato stampa

 pubblica OFF-LIFE, la d’esordio di Barb, disponibile in fumetteria e libreria.

OFFLife_COVERSINOSSI: Soddisfare il bisogno umano di essere visti, compresi e amati diventa complesso quando a interferire sono dinamiche familiari disfunzionali. Sab è ancora una ragazzina quando scopre di poter trovare un surrogato d’amore paterno in uno sconosciuto online. Questo amore ha un costo, a differenza di quello di un genitore. Sab dona l’unica cosa che alla sua tenera età è consapevole di possedere: il suo corpo.

L’autrice racconta: «Off-Life è un’avventura travagliata alla scoperta della propria sessualità, di come vivere il mondo quando si esiste solo se guardati, quando si appartiene a una generazione precocemente sessualizzata e abbandonata alle cure della moderna babysitter: la tecnologia».

Dalla prefazione di Giulia Blasi: “Off-life è una storia d’amore frustrato e di predatori privi di scrupoli, di adulti assenti e persi nei loro problemi, e di rapporti che potrebbero salvare la vita ma devono vedersela con mostri troppo grossi per essere ignorati”.

 

Barb (Barbara Muratori) è un’esordiente fumettista romana. Costruisce sui social una ristretta ma attiva fanbase con la quale, attraverso illustrazioni e fumetti, affronta tematiche delicate: libertà sessuale, salute mentale, rapporto con il proprio sé e tutto ciò che rientra nel campo dell’introspezione. Dopo una serie di zines autoprodotte e vendute attraverso i social, firma per l’editore Cane il contratto per il suo fumetto d’esordio “Off-life”. Parallelamente, dopo una laurea triennale all’lsia di Roma in Design, prosegue gli studi in Design dei Sistemi per Prodotti e Servizi presso il medesimo istituto. In entrambi i settori Barb porta in prima linea il desiderio di raccontare, progettare e discutere argomenti che vengono solitamente percepiti come tabù nella nostra società. La sensibilità e delicatezza con cui tratta queste tematiche rispecchia il SUO modo di vivere e di raccontarsi, come anche la sintesi del tratto grafico che la caratterizza.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su