Torna Bricòla, VI Edizione del Festival delle autoproduzioni a fumetti

Torna Bricòla, VI Edizione del Festival delle autoproduzioni a fumetti

Sabato 25 e domenica 26 marzo al Museo del Fumetto WOW Spazio Fumetto di Milano torna il fumetto indipendente e autoprodotto con la sesta edizione di Bricòla.

Comunicato stampa

Si chiamava Bricòla la borsa usata in passato dai contrabbandieri lombardi nell’attraversamento di Alpi e laghi, per portare dalla Svizzera quelle merci che in Italia non si potevano trovare. Bricòla è anche il nome del festival milanese dedicato alle autoproduzioni a fumetti, che servirà a portare all’ampio pubblico che frequenta WOW Spazio Fumetto quelle produzioni originali che non è facile incontrare altrove.

Bricola loc 2023 by Silly Nostalgic KidsMa cosa sono le autoproduzioni a fumetti? Darne una definizione non è facile, considerata la vastità dei suoi esempi. È una pratica che nel fumetto italiano esiste da decenni: saltare la distribuzione (le case editrici e i distributori nei circuiti delle edicole, delle librerie e delle fumetterie) per creare un contatto diretto tra autore e lettore, reso concreto attraverso il supporto fisico del fumetto.

È per mostrare queste perle nascoste al grande pubblico che sabato 25 e domenica 26 marzo 2023 Bricòla tornerà a concentrarsi sulla produzione più originale e vivace che abbia visto luce negli ultimi anni, concentrandosi sull’Italia e in particolare sulla nostra città, Milano.

Dal 2016, anno della prima edizione, Bricòla è diventato un punto di riferimento per chi crea i fumetti e per chi li legge. Un festival come luogo d’incontro, scambio d’idee, di immagini, di narrazioni e di esperienze tra gli addetti del settore, e allo stesso tempo aperto a tutti; un’occasione per far nascere il dialogo e riportarlo in presenza e su carta – un evento tanto più importante dopo gli anni delle restrizioni e del digitale resi necessari dalla pandemia. Il tutto partendo da WOW Spazio Fumetto, per far interagire gli autori emergenti con il museo consacrato ai maestri del fumetto mondiale e italiano.

Nei pomeriggi di sabato 25 e domenica 26 marzo le autoproduzioni invaderanno il piano terra del museo del fumetto. L’ingresso sarà libero: visitatori e visitatrici potranno trovare stand di vendita e disegno di autrici, autori e collettivi di autoproduzione.

Sabato 25 marzo saranno presenti espositrici ed espositori come Alambicco Comics, Alessandro Locati, Arte Sghimbescia, Associazione Culturale Mammaiuto, BandaBendata, Beatrice DragonPie, Bohnobeh!, Cargo, Coltello Comics, Ehm Autoproduzioni, Jects, Michele Carminati, Midian Comics, Nicolò Santoro AKA Uomopasta e Noemi Rosano AKA Suzume, Silvia Bancora, Spaghetti Comics; mentre domenica 26 sarà il turno di AFA Autoproduzioni Fichissime Anderground, Alpraz, Anwar, Zoe & Emiliano, Attaccapanni Press, Čapek Magazine, Collettivo Canederli, Collettivo Interiors, Criminaliza, David Bacter, Edizioni Mani Sudate, Giacomo Traini, Gli Ultracani, Hurricane Ivan Manuppelli, Kolon, Lök Zine, Mauro Ferrero, Ser, Storie Brute.

In entrambe le giornate, il Bibliobus del Sistema Bibliotecario di Milano sosterà fuori da WOW Spazio Fumetto, permettendo a visitatori e visitatrici di iscriversi alle biblioteche cittadine e di prendere in prestito libri e fumetti. Inoltre, nel pomeriggio di sabato 26, sarà possibile consultare gratuitamente la collezione di autoproduzioni della Fumetteria del Mecenate Povero, a cui sarà dedicato un apposito stand all’interno di WOW Spazio Fumetto.

Il festival Bricòla è anche una mostra, quest’anno dedicata a personaggi e luoghi delle periferie milanesi. In occasione del centenario della nascita della “grande Milano”, che nel 1923 vide l’annessione dei comuni di Affori, Baggio, Chiaravalle, Crescenzago, Gorla-Precotto, Greco, Lambrate, Musocco, Niguarda, Trenno e Vigentino, e dei dieci anni dalla scomparsa di Enzo Jannacci, forse il più grande cantore della gente milanese, le autrici e gli autori ospiti di Bricòla hanno infatti realizzato le proprie interpretazioni delle storie e dei protagonisti del passato cittadino e delle periferie meneghine. Più di trenta illustrazioni originali, che ritraggono personaggi come Alda Merini e Clelia Simonetta e luoghi come La Casa del Sole e Villa Triste.

La ligera, illustrazione realizzata da Emiliano Costa, Zoe Gallo, Anwar Abbas
La ligera, illustrazione realizzata da Emiliano Costa, Zoe Gallo, Anwar Abbas

Durante i pomeriggi del festival, inoltre, editori, critici di fumetto, autori affermati e non ancora noti al grande pubblico e altre personalità della Nona Arte si confronteranno in incontri aperti al pubblico, per capire, insieme, il mondo delle autoproduzioni.

Sabato 25 alle 15.30 Emanuele Rosso (MeFu – Mestieri del Fumetto) dialogherà con Mattia Cavani (Redacta) per esplorare gli aspetti legali e fiscali correlati ai fumetti autoprodotti; mentre alle 17:00 il collettivo Silly Nostalgic Kids, autore della locandina di Bricòla 2023, si confronterà con altre realtà ospiti del festival su cosa vuol dire lavorare in gruppo per le case editrici e per le autoproduzioni.

Domenica 26 alle 15.30 MOLESTE – Collettivo per la parità di genere del fumetto ed Erbacce – Forme di vita resistenti ai diserbanti dialogheranno sul tema “Femminismo a fumetti. Come uscire dalla bolla?”; e a partire dalle 17:00 il pubblico potrà assistere all’incontro e live painting dedicato a storie e leggende milanesi, con la conduzione di Disma Pestalozza e contributi dei partecipanti e del pubblico di Bricòla.

L’illustrazione della locandina dell’edizione 2023 di Bricòla, che come sempre reinterpreta la figura del contrabbandiere a fumetti, è opera dei Silly Nostalgic Kids. Silly Nostalgic Kids è un collettivo artistico formato da Tommaso Valsecchi, Francesco Castelli e Valentina Grassini. Il collettivo nasce nel 2004, solo che Valentina, Francesco e Tommaso ancora non lo sanno. Per anni le loro strade si separano e s’incrociano ogni tanto nel mondo dell’editoria per l’infanzia. Nel 2014 riprendono a lavorare insieme al loro primo amore: i fumetti. Dopo aver esordito nell’edizione 2016 del Borda Fest! durante il Lucca Comics&Games, una delle loro autoproduzioni, Non succede quasi mai, viene pubblicata per l’editore francese Paquet: sempre nel 2017 pubblicano insieme a Shockdom la graphic novel per ragazzi Il mio amico Incubo!, uscita nel 2018 anche in Francia. I loro ultimi lavori sono la serie post-apocalittica zombie, spruzzata di nostalgia per gli anni Novanta, Gli ultimi giorni (Tatai Lab, 2022) e il recentissimo Ciambelle from outer space, ancora per Shockdom.

Durante Bricòla sarà anche possibile visitare la mostra Maurizio Bovarini disegnatore, dedicata a un autore straordinario e vulcanico, uno dei protagonisti del fumetto italiano. Ospitata a WOW Spazio Fumetto fino al 16 aprile, l’esposizione monografica – dedicata al grande autore a 36 anni dalla scomparsa – raccoglie oltre 150 disegni originali tra illustrazioni, vignette e fumetti: dalle riviste satiriche francesi degli anni Sessanta a quelle italiane dei Settanta e Ottanta, passando per collaborazioni importanti con Linus, il Corriere dei Piccoli e il Festival dell’Umorismo. Ingresso con biglietto a 7 euro intero/4 euro ridotto.

Bricòla – Festival delle autoproduzioni a fumetti
VI Edizione
25-26 marzo 2023, dalle 14:00 alle 19:00

WOW SPAZIO FUMETTO
Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata di Milano

Viale Campania, 12 – Milano

Info: 02 49524744/45 – www.museowow.it

Ingresso libero

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *