Topolino #3282: Belando sotto le stelle

Topolino #3282: Belando sotto le stelle

Continuano le due serie, quella legata alle cards dei calciatori con cui si apre il numero e la Storia dell’arte di Topolino iniziata la settimana scorsa, e il countdown alla nuova storia di Casty e Massimo Bonfatti, ma di tutto il sommario questa settimana la storia più interessante su cui scrivere in questa breve recensione è la seconda a sommario:

Il reality del pioniere

Belando sotto le stelle è una storia bella, divertente e moderna scritta da uno degli autori classici di Topolino, Bruno Sarda. Affiancato dal giovane Nico Picone, che sta acquisendo sempre maggiore spazio, l’esperto sceneggiatore porta Paperone nel ricco mondo della creazione dei format televisivi da vendere alle reti generaliste. Il programma proposto, partorito dallo stesso Paperone con la collaborazione di Paperino e Paperoga, è il classico reality con due squadre di mandriani che si sfidano per portare in un punto convenuto un gregge di pecore. A fine giornata una prova di abilità in stile pionieristico e il televoto da casa stabiliscono gli eventuali vantaggi in termini di partenza anticipata da assegnare per il mattino successivo. Per ottenere, però, la paternità dell’idea e quindi i soldi della sua vendita, Paperone deve sfidare Rockerduck proprio in una sorta di pilota di Belando sotto le stelle: il suo storico avversario ha, infatti, presentato un’idea assolutamente identica, che però ha rubato a Paperone grazie alla classica mosca-spia.
Il confronto tra le due squadre procede spedito, ricco di gag, con una sfida abbastanza classica in questo genere di storie tra i professionisti ingaggiati da Rockerduck e i veraci parenti di Paperone. La conclusione è abbastanza scontata, mentre il finale riserva un’ultima divertente gag che in qualche modo riabilita la reputazione di uno dei protagonisti dell’avventura.
Da parte sua Picone, pur mostrando ancora un forte legame nel tratto con Stefano Intini, in un paio di vignette, soprattutto quadruple, mostra alcune soluzioni prospettiche che in qualche modo richiamano all’ultimo Alberto Lavoradori.
Il risultato finale è una storia divertente e piacevole da leggere.

La recensione completa del numero verrà pubblicata sabato o domenica su DropSea