Topolino #3280: L'eroica sfacchinata

Topolino #3280: L’eroica sfacchinata

Mentre prosegue l’iniziativa delle cards calcistiche con i personaggi disneyani ritratti in plastiche pose pallonare, la storia d’apertura del numero attualmente in edicola è dedicata al ciclismo e a una storica corsa amatoriale.

L’eroica

Ideata nel 1997, l’Eroica si svolge ogni prima domenica di ottobre attraverso le colline del Chianti. I ciclisti hanno l’obbligo di presentarsi con una bicicletta prodotta prima del 1987 e con delle tenute in stile vintage. All’Eroica partecipano appassionati provenienti da tutto il mondo e per il semplice gusto di partecipare: non c’è, infatti, alcun vincitore e si riceve una medaglia di presenza, un ricordo per l’esperienza che viene portata avanti dai ciclisti in perfetto spirito di gruppo, aiutandosi a vicenda per vincere le difficoltà di percorsi che ricordano il ciclismo epico, fatto su strade sterrate e quando ancora le foto si facevano in bianco e nero.
Proprio a questa mitica corsa Paolo Mottura dedica la bella storia d’apertura in cui Paperino, costretto dallo zione dalla solita lista dei debiti, si affianca al miliardario Sebastien Lecontraire nell’altrettanto mitica Papergloriosa.
Mottura, in questa prova da autore completo, riesce a catturare lo spirito dell’Eroica anche grazie alla sua esperienza da ciclista amatoriale e da partecipante all’edizione 2017 della corsa insieme con Vito Notarnicola, storico capo redattore grafico di Topolino. I disegni, come al solito affascinanti, propongono pose plastiche e momenti epici, mentre le stesse gag risultano funzionali alla costruzione dello spirito cameratistico della Papergloriosa.
Una storia che non mancherà di ricordare negli adulti la passione per questo sport fatto di fatica e sudore e di affascinare i più giovani proprio come facevano le belle storie di una volta.

Due parole sul nuovo direttore

Il numero 3280 del settimanale disneyano attualmente in edicola verrà, però, ricordato per segnare il nuovo cambio della guardia nella direzione di Topolino: la mano passa infatti da Valentina De Poli, una vita passata in redazione (è entrata nel 1987 quando il Topo era edito dalla Mondadori) per poi diventare direttrice della testata nel 2007. Ora il suo ruolo viene diviso tra Marco Marcello Lupoi, che diventa direttore responsabile, e Alex Bertani, che ricopre il ruolo di direttore editoriale (in pratica l’effettivo sostituto della De Poli). Molte le illazioni sulla scelta Panini: personalmente ritengo che in un momento particolarmente difficile per l’editore modenese in generale (basti pensare alla contrazione dell’offerta supereroica) forse ha deciso di iniziare a “paninizzare” la redazione più costosa tra quelle in sua gestione.

La recensione completa del numero verrà pubblicata domenica su DropSea