Dylan Dog Color Fest #21 – Lo Scuotibare: la potenza del surreale

Giovanni Masi, Giorgio Pontrelli e Sergio Algozzino conducono Dylan Dog al centro di una metafisica e bizzarra invasione di ossa umane a Londra.

Dylan Dog Color Fest #21 - Lo Scuotibare: la potenza del surrealeGiunge al ventunesimo appuntamento il Color Fest e ospita Lo Scuotibare, storia singola scritta da , disegnata da con i colori di e introdotta dalla bella copertina di .
E’ una Londra crepuscolare e illuminata da una spettrale luce lunare quella che viene devastata da un’invasione di ossa umane rigurgitate dalle innumerevoli fosse comuni situate sotto la capitale inglese. Il fatto sembra ricollegarsi al misterioso taccuino che Dylan riceve dalla sua nuova cliente, Alexandra Hudson, unica erede di una famiglia che si tramanda il ruolo di becchino di generazione in generazione.

È un numero che vira all’horror grottesco quello scritto da Masi, in cui è ripresa quell’ironia malinconica tipica di Tiziano Sclavi. Non è un caso che la trama principale sia spesso inframmezzata dalle dissertazioni sul “non” senso dell’esistenza, recitate da comparse destinate a passar presto a miglior vita, oppure dagli scheletri viventi che invadono Londra, interpreti di veri e propri sketch comici.
Su questa base si inseriscono in modo convincente le figure dei “due” protagonisti: Dylan e soprattutto Groucho – la cui figura è perfettamente in sintonia con la profonda vena surreale del racconto – si alternano in dialoghi e scambi di battute che divertono senza annoiare, scambiandosi il ruolo di “eroe” in più di un’occasione.

Dylan Dog Color Fest #21 - Lo Scuotibare: la potenza del surreale

Un episodio che non punta a essere coerente, ma rafforza la sua riuscita grazie al non sense e a svolte improbabili e che proprio per questo potrebbe non piacere a chi predilige il caso classico con una soluzione più convenzionale. Masi crea e inserisce nella mitologia della serie l’interessante figura di Alexandra Hudson, anatomopatologa custode inconsapevole di uno “strano” retaggio familiare, che sembra (e si spera) possa essere ripresentata in futuro per sviscerarne meglio le caratteristiche.

Dylan Dog Color Fest #21 - Lo Scuotibare: la potenza del surrealeÈ nella realizzazione grafica che Lo Scuotibare raggiunge un risultato davvero eccellente. Le tavole di Pontrelli, caratterizzate da una sintesi che ben riprende il mood della storia, sono di fattura decisamente elevata, la cui summa è rappresentata dalle due splash page scontornate e senza gabbia che idealmente aprono e chiudono la storia. Un tratto nervoso che a volte ricorda (soprattutto nella modellazione dei volti) addirittura quello del grande Hugo Pratt, capace di emozionare e sorprendere senza mai essere esagerato o sopra le righe. Il Dylan Dog del disegnatore è forse quello che meglio riesce a catturare lo spirito del personaggio insieme alla versione storica di Angelo Stano.

L’albo e i disegni sono ulteriormente rifiniti dalla grande prova ai colori di Sergio Algozzino che, utilizzando una palette cromatica dai pochi e spenti colori (su cui spicca il rosso acceso dei capelli di Alexandra), sembra voler richiamare la decadenza umorale dell’autunno e conferisce un accentuato senso di profondità e volume agli oggetti e ai personaggi.
Incredibile come le numerosissime ossa raffigurate nel corso dell’episodio (la seconda splash ne è un esempio) sembrano differenziarsi l’una dall’altra proprio grazie a questo lavoro certosino di colorazione.

Una delle recenti migliori iniziative dedicate all’indagatore dell’incubo e un’altra produzione seriale destinata a confondere le idee di chi continua a fare distinzione fra fumetto popolare e fumetto d’autore.

Abbiamo parlato di:
Dylan Dog Color Fest #21 – Lo Scuotibare
Giovanni Masi, Giorgio Pontrelli, Sergio Algozzino
, Maggio 2017
96 pagine, brossurato, colore – 4,90
€ ISSN: 9771971947007

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio