Senza di Tex: Kinowa & Tex di Onofrio Catacchio

Logo_Speciale-Tex_Omaggi Per lo speciale dedicato ai settant’anni di vita editoriale di , per la sezione omaggi grafici abbiamo pensato a qualcosa di particolare.
L’abbiamo intitolata Senza di Tex e abbiamo chiesto a ognuno dei disegnatori invitati di regalarci un’immagine nella quale un personaggio western a fumetti non bonelliano fosse rappresentato insieme a un qualcosa che ricordasse Tex: Blueberry con una sedia vuota accanto, Coccobill che trova il foulard di Tex abbandonato,Dinamite che corre via con Trottalemme, Lucky luke che spara all’ombra di Tex, Kinowa con in mano scalpo e cappello di Tex, Jonah Hex con la pistola di Tex come la disegnava Galep. Oppure, in alternativa, un personaggio di sua creazione che venisse rappresentato in una situazione texiana.

Questi gli spunti che abbiamo fornito, e ognuno dei disegnatori ci ha stupito. Come Onofrio Catacchio e il suo…

KINOWA & TEX

Kinowa_Tex_Omaggi
Tex ©Sergio Bonelli Editore 2018 – Kinowa ©aventi diritti

Kinowa_Omaggi Kinowa è un personaggio dei fumetti protagonista di una serie western creata nel 1950 da Andrea Lavezzolo con lo pseudonimo di A. Lawson e disegnato prima dalla EsseGesse e dopo da Pietro Gamba che curò la serie fino al 1953. Sam Boyle e la sua famiglia vengono attaccati dagli indiani mentre attraversano il west con una carovana. Lui riesce a salvarsi nonostante gli indiani gli tolgano lo scalpo, ma la moglie viene uccisa e il figlio viene rapito, anche se lui lo crede morto. Diversi anni dopo appare un uomo che porta una maschera con le sembianze del diavolo; quest’uomo va a caccia di indiani per ucciderli con gusto e senza pietà, viene da loro chiamato Kinowa e viene considerato un essere soprannanurale. Ben presto si scopre che si tratta di Boyle, assetato di vendetta contro chi gli uccise la famiglia e gli tolse il cuoio capelluto. Agisce inizialmente da solo e poi assieme a Silver Gek, il figlio cresciuto dai pellerossa e poi ritrovato, e Long Rifle, scout e trapper.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su