Parliamo di:

Lone Wolf & Cub #1

Panini Comics - Luglio 2003 - 304pp/b&n - 5euro
Articolo aggiornato il 22/09/2017

Lone Wolf & Cub #1Lone Wolf & Cub, Kozure Okami in originale, è un pezzo di storia del manga, un classico che oltre che in Giappone, dove è stato pubblicato dal 1970 al 1976, ha riscosso in occidente una attenzione ed un apprezzamento di tutto rispetto, peraltro pienamente giustificato. L’opera scritta da , a cui si deve anche Crying Freeman con Ryochi Ikegami, e disegnato da , ha ispirato fortemente uno dei più importanti autori americani, Frank Miller (Ronin, Sin City, Devil, 300, solo per citarne pochi alla rinfusa), che ne disegna pure le copertine per l’edizione americana e italiana, ed ha creato un seguito di sei film e di una serie televisive, giunta fino ai nostri schermi con successo.

Accostarsi alla lettura di un fumetto con così tante premesse è quasi imbarazzante, perché si ha, in un certo qual modo, il timore di non riuscire a trovarlo tanto valido quanto la sua fama sembrerebbe imporre. Dubbio fugato dopo poche pagine da questo manga, nelle quali gli autori riescono a dimostrare le loro capacità: una storia cruda, tesa, fatta di momenti lenti e rarefatti e di accelerazioni improvvise, capace di ricreare su carta in maniera perfetta lo stesso gusto del cinema giapponese di arti marziali, con disegni che ben poco tradiscono la loro età, e che rendono in maniera perfetta la gamma di espressioni, la velocità delle lame, il sangue, la forza dei personaggi, grazie ad un uso capace e maturo del tratto e delle inquadrature, veri e propri virtuosismi mai banali o fini a se stessi.
La storia ci porta a seguire le vicende di Ogami Itto, un ronin (samurai senza padrone) mercenario, che si muove nel Giappone medievale del periodo Edo, in compagnia del figlioletto di pochi anni. Un uomo duro, colpito e segnato dalla sorte, forte e abile come pochi con le armi. Questo primo volume presenta storie poco legate l’una dalle altre, ma con il proseguo della serie la storia diventerà più complessa e legata. Da segnalare la ricchezza e l’accuratezza dello sfondo storico di questo importante periodo storico del Giappone, integrato da ampie e esaurienti note finali e da un glossario dei termini usati nel fumetto, oltre che alle biografie degli autori.

Lode quindi a Planet Manga, che conferma la sua politica che unisce il recupero di fumetti classici e la ricerca di nuovi autori e nuove proposte.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio