Jin, Jîyan, Azadî – Le donne del mediterraneo disegnano la libertà

Una mostra per raccontare la resistenza delle donne del Mediterraneo. Le tavole originali andranno all'asta per finanziare un'accademia a Kobane.

Comunicato Stampa

Dalle combattenti della rivoluzione di Kobane, alle sorelle che attraversano il mediterraneo in fuga dalla morte, le donne del mediterraneo reclamano un mondo nuovo.

Jin, Jîyan, Azadî - Le donne del mediterraneo disegnano la libertà

Le loro esperienze raccontano chiaramente che non c’è libertà senza autodeterminazione.

Ma può esistere l’autodeterminazione senza la libertà di movimento e in un sistema ancora regolato dall’oppressione di genere?

Quest’anno il organizzerà una mostra che tiene insieme questi due temi: le tante forme di resistenza delle donne del mediterraneo e la libertà di movimento.

La nostra è una chiamata artistica e politica a partecipare, rivolta ad artist* del fumetto, illustratrici e illustratori. Tutti i contributi verranno messi all’asta nel corso del festival, e il ricavato andrà interamente alla onlus Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia per finanziare l’Accademia delle Donne Arin a Kobane.

Per maggiori informazioni sul progetto:

helpkobane.com/women

Le illustrazioni non devono necessariamente essere inedite, ma semplicemente in linea con il tema.

Gli originali delle opere dovranno pervenire entro il 24 Novembre all’indirizzo:

Via della Bassata 58, 57126 Livorno c/o Virginia Tonfoni e in formato digitale [300dpi] alla mail: combatcomics@gmail.com

info: 328.9674851- 349.2824864

Jin, Jîyan, Azadî - Le donne del mediterraneo disegnano la libertà

Una delle illustrazioni che andranno all’asta, realizzata dall’artista lucana La Tram.

2 Commenti

2 Comments

  1. La Tram

    23 novembre 2015 a 01:27

    Errata corrige: La Tram è lucana, ma vive a Livorno :)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

   

Inizio