Su il Giornalino, “Il vento tra le Sabbie” di Michel Plessix, tratto dal romanzo di Kenneth Grahame

Su il Giornalino, “Il vento tra le Sabbie” di Michel Plessix, tratto dal romanzo di Kenneth Grahame
Comunicato stampa: da questa settimana, su il Giornalino, "Il vento tra le Sabbie" di Michel Plessix tratto dal romanzo di Kenneth Grahame.

Comunicato Stampa

Dopo “Il Vento tra i salici” pubblicato nel 2011, il Giornalino propone “Il Vento tra le sabbie“di Michel Plessix ispirato – come il Su il Giornalino, "Il vento tra le Sabbie" di Michel Plessix, tratto dal romanzo di Kenneth Grahameprecedente – al celebre romanzo per l’infanzia di Kennet Grahame. I protagonisti sempre loro: Topo, Talpa e Rospo che, insieme a mille altri amici, vivono il fascino del viaggio e del racconto, questa volta tra dune, sabbie e oasi. La rilettura a fumetti di Michel Plessix prende dunque spunto dall’opera di Grahame scritta nel secolo scorso: un romanzo nato un po’ caso, quando l’autore inglese, dipendente della Banca di Inghilterra e spesso lontano da casa per lavoro, cominciò a inviare lettere al figlioletto per raccontargli le storie da lui create. E i simpatici animaletti dalle sembianze umane si avvicendano ancora in storie di rara bellezza e poesia grazie alla maestria di Plessix, illustratore francese che per “Il Vento tra i salici” fu premiato con l’ “Alph-Art du public” ad Angoulême. Un tripudio di acquerelli a tinte tenui, tratto “rotondo” e pennellate di luce di gusto impressionista che restituiscono al racconto l’atmosfera e l’intento naturalistico dell’opera originale, lasciando emergere la gioia e la serenità del vivere.

Con “Il Vento tra le sabbie” Plessix “ha immaginato un supplemento di avventura”, dichiara p. direttore de il Giornalino, “È Topo che incontra un marinaio giramondo e resta affascinato dai suoi racconti. Un fascino che si trasforma in voglia di avventura, nella quale verranno trascinati i suoi amici di sempre. Il fumetto ci accompagnerà per molte settimane facendoci sorridere, divertire, pensare, regalandoci emozioni forti e sottili impressioni”.

www.sanpaolo.org

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio