Ellissi: il ritorno di Legs Weaver da protagonista

Ellissi: il ritorno di Legs Weaver da protagonista
A più di vent’anni dalla chiusura della sua testata, Legs Weaver torna su “Le storie” Bonelli con un'avventura inedita in tre parti firmata da Serra e Perniola.

legs_ellissi_coverLegs Weaver, l’affascinante amica e collega di Nathan Never, torna da protagonista in una lunga avventura ospitata dalla collana Le Storie Bonelli. Come già accaduto per la ricomparsa del Napoleone di Carlo Ambrosini nel 2019, anche per Legs sono tre gli albi in programma. Il primo, Ellissi, è scritto da  Mirko Perniola (reduce, quest’ultimo, dalla miniserie Nathan Never – Deep Space, da poco terminata) e disegnato da Francesca Palomba, Michela Da Sacco, Mariano De Biase e Maurizio Gradin.

Una storia inedita dedicata a Rebecca Weaver è sicuramente una notizia stuzzicante, soprattutto per chi bazzica l’universo neveriano dalla prima ora. Dopo l’esordio sul numero 1 di Nathan NeverLegs è stata infatti la prima eroina bonelliana a diventare titolare di una testata: il primo Legs Weaver uscì nel 1995 (Julia arrivò nel 1998), per un’avventura editoriale che proseguì fino al 2003 con 119 numeri, oltre agli speciali fuori serie.

Ispirata alla Sigourney Weaver di Alien e soprannominata Legs per le lunghe gambe, Rebecca è da sempre un personaggio chiave nel mondo dell’Agenzia Alfa: dotata di una personalità vulcanica, tosta, ironica, schietta, è la spalla ideale per Nathan (al punto di rischiare di rubargli la scena), perché in grado di smussare il pessimismo e il carattere più complesso, cupo e “musone” di Nat (a proposito, solo lei può chiamarlo con questo diminutivo).
Ma la dichiarata leggerezza non diminuisce la profondità di un personaggio irrequieto e capace di esprimere un rigore morale pari a quello del più illustre collega.
Non a caso i lettori di vecchia data ricorderanno burrascosi litigi fra Legs ed Edward Reiser, scontri sanguigni con Solomon Darver e i ripetuti allontanamenti dall’Agenzia con porte sbattute a volontà. Ma la storia personale di Rebecca è profondamente legata a due maxi saghe: la Guerra con le stazioni orbitanti, al termine della quale lascia l’Alfa, e la Guerra dei Mondi, dopo la quale viene reintegrata nell’organico dell’agenzia con a capo non più Darver ma Elania Elmore.

Altra caratteristica sottolineata dagli autori del personaggio è la consapevolezza e la libertà con cui Legs vive la propria sessualità e la vicinanza a tematiche LGBTQ+, particolare che negli anni Novanta ebbe sicuramente un impatto maggiore rispetto al presente. Di Rebecca si ricorda la complicata relazione con l’altra agente Alfa May Frayn e, per tornare a Ellissi, l’amore per Janet Blaise. 
Proprio la morte di Janet è al centro di questo albo: Legs infatti, a due anni dalla morte dell’ex amante, si trova a fare i conti con il passato. Ad accompagnarla fra i dolorosi ricordi c’è il dottor Julius Herschfeld, responsabile del Dipartimento di psicologia interno all’Agenzia Alfa. Gli incontri fra i due fanno da perno a una storia che Serra e Perniola articolano intorno a lunghi flashback, alcuni riflessivi, altri sensuali, altri ancora d’azione, con molti riferimenti alle trame principali sviluppate sulla testata Legs Weaver. Dai ricordi emerge anche la cattiva di turno: una criminale di nome Ellissi la cui mente, durante un colpo sfortunato, si fonde con quella di Legs.

Nonostante lo stampo intimista (ma mai lagnoso) dato al racconto non mancano situazioni ironiche e metanarrative come gli accenni alla serie a fumetti con protagonista Legs che, purtroppo, è stata cancellata o i discorsi sulle scene di nudo fini a se stesse. Gli sceneggiatori giocano a più riprese con il codice del fumetto, citando espedienti narrativi tipici della nona arte a volte fra le righe, altre volte in modo più evidente.legs_ellissi_tav

Ben quattro i disegnatori impegnati in questo primo episodio. Francesca Palomba, Michela Da Sacco, Mariano De Biase e Maurizio Gradin offrono una visualizzazione molto omogenea e basata su un estremo realismo dei personaggi, delle ambientazioni e delle componenti tecnologiche. In continuità con le scelte stilistiche che caratterizzarono gli albi della serie degli anni Novanta, lo stile utilizzato tende al manga, come dimostra in particolare la sequenza da tavola 20 a 25. La narrazione è comunque ancorata alle classiche tavole bonelliane con tre strisce e sei vignette ma spiccano alcune splash page e alcune doppie con notevoli campi lunghi.

In definitiva, Ellissi fa emergere i punti di forza caratteriali di Legs, trascurando per una volta la sua propensione a menare le mani e distruggere i nemici con enormi armamenti del futuro. Le sedute dallo psicologo agevolano la lettura per coloro che non hanno mai conosciuto Rebecca anche se una conoscenza minima del personaggio sarebbe consigliata.

Abbiamo parlato di:
Le Storie #96 – Legs Weaver #1 – Ellissi
Antonio Serra, Mirko Perniola, Francesca Palomba, Michela Da Sacco, Mariano De Biase, Maurizio Gradin
, settembre 2020
114 pagine, brossurato, bianco e nero – 4,50 €
ISSN: 977228100800600096

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su