Color Tex #17 – Gli amanti del Rio Grande (Rauch, Scascitelli)

Color Tex #17 – Gli amanti del Rio Grande (Rauch, Scascitelli)
Nel diciassettesimo "Color Tex", Willer e Carson si imbattono in un "Don" messicano istrionico e violento. Jacopo Rauch sceneggia per i disegni di Sandro Scascitelli.

tex_color_17_cover (2)Tex, Carson e alcuni gringos incrociano la strada di Don Manuel, signorotto messicano e marito violento. Dopo la sparatoria iniziale, il cui ritmo cattura subito il lettore, il Color Tex #17, Gli amanti del Rio Grande, si sviluppa come una fuga d’amore sceneggiata da  per i disegni di Sandro Scascitelli. La prova dell’artista, che ha debuttato per  nel 2013, è solida: con un segno classico e allo stesso tempo personale raffigura i pard senza sacrificarne la riconoscibilità anche quando sono in secondo piano nelle vignette, cosa che capita con una certa frequenza poiché i comprimari sono tanti e dettagliati. Ai brutti ceffi dei desperados si contrappone l’elegante bellezza della signora Delgado, moglie dell’istrionico antagonista.
Se la scansione delle pagine sulla base delle tre strisce è ricorrente, a rompere gli equilibri sono gli sconfinamenti dalla gabbia di personaggi e onomatopee, a cui si unisce la distribuzione asimmetrica dei riquadri. Una sensazione di movimento che accompagna efficacemente una storia semplice ma avvincente, fondata su caratteri archetipici e inequivocabili.
Piuttosto, le sfumature sono affidate a , abile a valorizzare il tratteggio del disegnatore con l’utilizzo di tinte pacate, non sparate né eccessivamente brillanti. L’unione dei vari elementi narrativi dà vita a un’avventura che, pur senza le complicazioni tipiche dell’intreccio della serie regolare, può intrattenere sia gli appassionati che i lettori occasionali estivi.

Abbiamo parlato di:
Color Tex #17 – Gli amanti del Rio Grande
Jacopo Rauch, Sandro Scascitelli, Oscar Celestini
Sergio Bonelli Editore, 2020
160 pagine, brossurato, colori – 6,90 €
ISSN: 977223974600400017

color tex 17 int 1

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su