Un Mysterio nello spazio

Un Mysterio nello spazio

Per l’Halloween di quest’anno ho pensato di proporvi alcune immagini astronomiche “da paura“, scatti la cui forma ricorda e il cui soprannome richiama a un qualche mostro al cui pensiero i brividi corrono lungo la schiena. In effetti nelle tre foto che seguono, fornisco anche una doppia lettura supereroistica che, spero, possa essere apprezzata dai lettori del .
Iniziamo!

ghost_head_nebula

Nebulosa “testa del fantasma” in uno scatto del’Hubble Space Telescope – via commons

NGC 2080, nota come Ghost Head Nebula, la nebulosa testa del fantasma, è una nebulosa a emissione, costituita da gas ionizzati che emettono luce a diverse lunghezze d’onda, per lo più a causa della presenza, al centro della nebulosa, di una stella che emette fotoni particolarmente energetici nell’ultravioletto. Se agli astronomi che diedero il soprannome a NGC 2080, che si trova all’interno della costellazione del Dorado, la sua forma ricorda la testa di un fantasma, a un vecchio appassionato di fumetti di supereroi non può che ricordare il boccione di Mysterio, uno degli acerrimi nemici di Spider-Man (o, come si diceva un tempo, dell’Uomo Ragno!).

skull_nebula

Nebulosa teschio in una composizione realizzata dallo European Southern Observatory in Cile – via commons

NGC 2467, Skull and Crossbones Nebula, o semplicemente Nebulosa Teschio, è, come NGC 2080, una nebulosa a emissione. Posta nella costellazione della Poppa, questa nebulosa dall’aspetto inquietante grazie ai due occhi particolarmente luminosi (la stella HD 64455 e l’ammasso di stelle Haffner 19), è una regione di formazione stellare, cosa che la rende particolarmente interessante per gli astronomi. Anche in questo caso vi propongo un parallellismo con un altro supercattivo, ovvero Darkseid, il dio megalomane dotato dei raggi omage, che spara dagli occhi ed eliminano all’istante chi ne viene colpito. E i due occhi della Nebulosa Teschio non sembrano proprio i due occhi di Darkseid?

slender_galaxy

Arp-Madore 2026-424 via Hubble Space Telescope

La tradizione dei racconti dell’orrore è ricca di personaggi incapucciati, ma il grande successo dei creepy pasta, racconti, ma anche animazioni e illustrazioni di genere diffusi in rete, ha portato al successo un personaggio particolarmente inquietante, lo Slender Man di Eric Knudsen. E lo scatto qui sopra realizzato dal telescopio spaziale Hubble il 19 giugno del 2019 ricorda un po’ proprio quell’inquietante rapitore di bambini. Dal punto di vista astronomico l’immagine ha catturato una collisione particolarmente avanzata di due galassie.
Anche in questo caso, comunque, gli appassionati di fumetti di supereroi potrebbero ritrovarci un altro cattivo, Mr. Bloom, avversario di Batman di recente introduzione (2015).

Trovate altri oggetti astronomici “da paura” nella galleria su EduINAF