Home > Articoli > Recensioni > Canicola bambini: sguardi sul mondo dell’infanzia

Canicola bambini: sguardi sul mondo dell’infanzia

Canicola bambini: sguardi sul mondo dellinfanzia   Vincenzo Filosa Tuono Pettinato Michelangelo Setola Hamelin Giulia Sagramola Giacomo Nanni Francesca Ghermandi Canicola Brecht Vandenbroucke Anna Deflorian Anke Feuchtenberger Amanda Vahamaki Nell’attenzione che cresce, di pari passo con la qualità, per la produzione dei libri destinati a ragazzi e bambini, in Italia, non viene a sufficienza tenuto in considerazione il fumetto.
Eppure, in passato, numerose riviste, come Il Corriere dei Piccoli, L’intrepido, Il Vittorioso, Il Giornalino e altre, proponevano importanti luoghi di formazione del mondo estetico e narrativo dei piccoli, per il mezzo del fumetto. Ora, solo da qualche tempo sembra essersi rinnovato l’interesse da parte degli editori. Ad esempio le edizioni Orecchio Acerbo (che si distingue per l’altissima qualità delle scelte e la cura per l’oggetto-libro), da qualche anno, con una collana Comics, (tra i titoli ricordiamo Jack e la scatola di Art Spiegelman, TopoLino si prepara di Jeff Smith, Il signor Coccodrillo ha molta fame di Joann Sfar, e la serie de I Pittipotti di Jerry Kramsky e Lorenzo Mattotti) sta investendo molto in questo ambito. Oppure, la casa editrice Topipittori, che ha da poco pubblicato il fumetto Bacio a cinque di .

Canicola bambini: sguardi sul mondo dellinfanzia   Vincenzo Filosa Tuono Pettinato Michelangelo Setola Hamelin Giulia Sagramola Giacomo Nanni Francesca Ghermandi Canicola Brecht Vandenbroucke Anna Deflorian Anke Feuchtenberger Amanda Vahamaki Un altro luogo della qualità, che non poteva mancare a questo appuntamento, è la rivista Canicola (anche importante casa editrice) che appunto dedica la sua decima uscita ai bambini.
Un numero a colori, composto dal lavoro di 11 disegnatori.

La finlandese Amanda Vahamaki con Cla, racconta la storia della bambina Clara che, divisa tra la madre e il padre divorziati, impara a crescere facendo delle scoperte sul conto degli adulti. La lettone Anete Melece racconta l’impegno de La morte al lavoro scissa tra il dovere e il divertimento. reinterpreta, in un rapporto di sintesi sempre più efficace tra storia e immagine, La neve umile di Leonardo Da Vinci. La bravissima , che con La scatola hollandese racconta la storia di una cagna che impara ad accettare, e in fine ad apprezzare, la venuta di un’altra cagna in famiglia. Yan Cong racconta l’assenza del Tempo nella fantasia. La grande Francesca Ghermandi che con Il giorno del pacchino racconta l’insensata corsa del consumismo da parte dei facoltosi e dei meno abbienti. racconta la perdita e la morte con La casa sul ghiaccio. I disegni del fiammingo pieni di ironia, offrono nuove visioni sulla realtà. Le storie avventurose di (con Cuore di marinaio) e Michelangelo Setola (con Verso il vulcano), il mondo di Tuono Pettinato, che con la storia di Flaubert 9000 vede un bambino robot alle prese con il ballo e la crudele insegnante, chiudono la rassegna.Canicola bambini: sguardi sul mondo dellinfanzia   Vincenzo Filosa Tuono Pettinato Michelangelo Setola Hamelin Giulia Sagramola Giacomo Nanni Francesca Ghermandi Canicola Brecht Vandenbroucke Anna Deflorian Anke Feuchtenberger Amanda Vahamaki

Insomma, numerosi punti di vista sul mondo, universi narrativi che formulano domande, e qualche volta danno risposte, che sono a loro volta costituite da altre domande: è quello che succede quando la lettura, una precisa idea di lettura, tiene al centro l’avventura della crescita, come in questo caso.
Con la speranza che, come promesso nell’editoriale della rivista, ci saranno altri numeri dedicati ai bambini.

Abbiamo parlato di:
Canicola 10: bambini

AA. VV

Canicola, 2011
176 pagine, brossurato, colori – 16,00€

Riferimenti:
Canicola: www.canicola.net

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>