Da Tunuè “Il Ballo” di Afonso e “‘O Malamente!” di Bartoli/Bertelè

Da Tunuè “Il Ballo” di Afonso e “‘O Malamente!” di Bartoli/Bertelè
Novità Tunuè Dicembre 2015. Dal 3 dicembre in libreria Il Ballo e 'O Malamente!

Comunicato Stampa

Novità Dicembre 2015. Dal 3 dicembre in libreria Il Ballo e ‘O Malamente!

untitled

‘O Malamente – Lorenzo Bartoli e Luca Bertelè

In questo volume, per la prima volta, sono raccolte tutte riscansionate dagli originali, di e Luca Bertelè, pubblicate a fine anni Novanta per l’Eura Editoriale, in volume unico impreziosito dalla copertina di Paolo Bacilieri. de ‘O Malamente si inseriscono in un progetto nato nel 1997 quando , forte dei consensi ottenuti grazie alle storie realizzate in coppia con  sulle pagine di Lanciostory e Skorpio decide, in coppia con , di riportare gli autori italiani sulle pagine di questi due storici settimanali. I due danno vita a un universo narrativo che gira intorno a una ipotetica Napoli del futuro. I ricavi del volume saranno devoluti alla famiglia di Lorenzo Bartoli, sceneggiatore romano scomparso nell’ottobre 2014. Il volume appartenente alla collana Prospero’s Books, nasce ad una campagna di .
‘O Malamente è un criminale, un caporione, un boss di quartiere. I suoi piani sono bislacchi e spesso di poco conto. Le sue vendette scaturiscono quasi sempre da discussioni da bar, in uno scenario – Napoli – che non differisce dalla realtà di oggi.
Il volume Tunué contiene 184 pagine (contro le 200 del cartonato e/o della variant cover brossurato per i finanziatori privati).
Contiene le tavole riletterate, riscansionate, galleria degli artisti italiani più celebri e il finale inedito! Tunué ha voluto estendere la tiratura per aiutare ulteriormente la famiglia Bartoli.

Il ballo – Nuno Duarte e Joana Afonso

1967. La dittatura conservatrice portoghese è in conflitto con la Santa Sede. La notizia dell’imminente arrivo di Papa Paolo VI a Cova da Ira, mette sull’attenti il Consiglio di Stato del Presidente Salazar, che vuole garantire una visita esemplare e senza incidenti. Parte dell’iniziativa consiste nel mettere a tacere o screditare alcune voci circa presunti fenomeni soprannaturali e attività pagane che si stanno diffondendo nel Paese.
Questa la premessa da cui prende avvio Il ballo, un in cui si incrociano e amalgamano le vite di un ispettore, di una strega e di un prete immersi in un mondo in cui la superstizione, l’invidia e i legami di sangue generano incubi deformi. Incubi che sembrano troppo reali perché ci si possa svegliare.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su