Parliamo di:

Lilith #1 – Il segno del Triacanto

Lilith #1 - Il segno del Triacanto(Guglielmo Nigro)
Articolo aggiornato il 22/09/2017

Lilith #1 - Il segno del Triacantodi
, dic. 2008 – 132 pagg. b/n. bros. – 3,50euro
Luca Enoch, chiuse le vicende di Gea, torna con una nuova eroina a fumetti, . La protagonista è una giovane ragazza guerriera con poteri sovraumani, addestrata in anni di fatica da un maestro e dai suoi genitori. La sua missione? Tornare nel passato per distruggere le radici del male che incombono sul suo presente. Si inizia con l’antica , sullo sfondo di personaggi ed episodi tratti dall’omerica Iliade. Enoch è in gran forma, sia sul piano dei disegni che dei testi. Duro, essenziale, efficace, si dimentica del “messaggio” culturale e politico che spesso accompagna le sue storie per concentrarsi su personaggi e trama. La guerra è dipinta con estremo realismo e ferocia, la protagonista è spesso nuda, creando un contrasto che forse ammicca fin troppo al lettore, in entrambi i casi, e che sembra rifarsi volutamente ad alcuni cliché manga. Ma siamo di fronte a un fumetto popolare (e non d’autore come suggerisce Bonelli nell’introduzione) intelligente, fresco e che ben promette per il futuro. Un esempio ancor più significativo se pensiamo che è il solo, attualmente in Bonelli, che vede un unico autore impegnato sia ai testi che ai disegni. Neppure il napoleonico Bacilieri sembra poterlo più fare. (Guglielmo Nigro)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

   

Inizio