Parliamo di:

Grant Morrison: la Wonder Woman cinematografica rinnega le sue radici

Lo sceneggiatore DC Comics, impegnato nella realizzazione di un graphic novel sull'amazzone, critica le sequenze con Gal Gadot viste nel trailer di Batman V Superman.

Intervistato da Nerdist sulla graphic novel : Earth One, di prossima pubblicazione, lo sceneggiatore ha espresso alcune sue valutazioni sulla incarnazione cinematografica dell’amazzone DC Comics interpretata dall’attrice in , evidenziando come secondo lui questa rinneghi le radici fumettistiche del personaggio.

Mi sono seduto e ho pensato: non voglio fare di questa donna una guerriera. Posso capire perché lo stiano facendo, ma non è questo che William Marston [il creatore di Wonder Woman ndr] voleva, non è quello che lui voleva e basta!

Morrison ha sottolineato come l’idea originale di Marston fosse quella di offrire al lettore una alternativa alla iper-mascolinità di Batman e Superman.

Se guardate le sequenze con Gal Gadot in costume, è tutta spada e scudo e ringhiare verso la cinepresa. La Diana di Marston era un dottore, una guaritrice, una scienziata. Così sono tornato a quelle radici e l’ho ricreata nuovamente.

Grant Morrison: la Wonder Woman cinematografica rinnega le sue radici

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio