Dampyr #223 – Cuba Libre! (Mignacco, Dario Viotti)

Dampyr #223 – Cuba Libre! (Mignacco, Dario Viotti)
Luigi Mignacco e Dario Viotti trasportano Harlan e soci nel continente sudamericano, in una terra ricca di Storia e di storie come è l’isola di Cuba, in un albo che introduce un nuovo Maestro delle tenebre, Huracàn.

Dampyr_223_cover_BreVisioni Le spiagge dell’isola di Cuba furono tra le prime terre raggiunte dai conquistadores spagnoli che, oltre agli indios del luogo, trovarono ad attenderli – almeno nell’universo a fumetti dampyriano – un Maestro delle tenebre venerato come un dio, il potente Huracàn.
Da questa premessa storica fa partire questa sua storia di che, oltre all’introduzione di un nuovo antagonista per Harlan e soci, attinge a piene mani dalle tradizioni cubane, fatte di musica creola, di santeria e di personaggi storici come Che Guevara e Fidel Castro che diventano protagonisti di questo racconto seppur per poche pagine.
Mignacco opta per una narrazione classica, lineare nello sviluppo, che punta più sul susseguirsi degli eventi che sull’approfondimento dei personaggi. Se Harlan, Kurjak e Tesla vengono messi in campo con i loro tratti caratteristici più conosciuti, al nuovo Maestro delle tenebre viene riservato ben poco spazio per delinearne carattere e obiettivi. Una mancanza che può essere riequilibrata nel tempo, visto che Huracàn sfugge al Dampyr in un finale sbilanciato a cui forse sono state riservate troppe poche pagine.
con il suo segno pulito e chiaro regala tavole dense di particolari e dettagli. La sua è una delle più interessanti interpretazioni grafiche di Kurjak, all’interno del gruppo di disegnatori dampyriani, ma in questo numero eccelle anche per l’efficacia e la fedeltà delle rappresentazioni del Che e di Castro, oltre che dei paesaggi cubani, sia delle foreste sia degli squarci urbani de L’Havana.

Abbiamo parlato di:
Dampyr #223 – Cuba Libre!
Luigi Mignacco, Dario Viotti
, ottobre 2018
96 pagine, brossurato, bianco e nero – 3,50 €
ISSN: 977159000200260223

Dampyr_223_int_BreVisioni
©Sergio Bonelli Editore 2018

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su