Jonathan Steele #3

di , Ambra Colombani, Riccardo Bogani e
– 100 pagg. b/n. bros. – 2,40euro
Il sentiero oscuro è sicuramente la migliore storia della nuova serie di Jonathan Steele finora, a partire dal titolo e dalla suggestiva copertina. La storia è ben strutturata, nonostante la parte centrale certe volte un po’ debole. Finalmente vediamo Jasmine, che subito appare come un personaggio interessante. Stessa cosa vale per Max, che è il protagonista dei momenti più spassosi dell’albo (divertentissimo il dialogo di pagina 73). Anche Myriam e Jonathan appaiono convincenti; soprattutto Jonathan, che nel finale dimostra una grandissima umanità. La scelta è azzeccata, dato che all’inizio della prima serie il protagonista sembrava più un terminator poco caratterizzato che altro, e la sua complessa psicologia emergeva solo dopo molti numeri. Riguardo Myriam, il dialogo delle pagine 68-71 la rivela un personaggio molto meno frivolo di quanto potrebbe sembrare. I disegni dell’albo sono discontinui: le prime tavole, disegnate dalla Colombani, sono buone ma un po’ acerbe; la parte centrale, disegnata da Bogani, è caratterizzata da disegni rigidi, movenze dei personaggi ingessate e inquadrature sciatte; i disegni di Ponchione, al contrario, sono molto più curati ed espressivi. Rimane a fine albo la curiosità di sapere come evolverà questa serie che, siamo sicuri, riserva grosse sorprese (Giulio Capriglione).

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su