Tu sei il più bel colore del mondo racconta le sfumature dell’adolescenza

Tu sei il più bel colore del mondo racconta le sfumature dell’adolescenza
Nel suo ultimo titolo, Golo Zhao ci accompagna in un lungo viaggio di formazione tra amori non corrisposti e la scoperta di nuove emozioni.

TuSeiIlPiùBelColoreDelMondo

Tu sei il più bel colore del mondo è l’ultimo titolo di Golo Zhao, pubblicato in Italia da Bao Publishing nella Collana Cinese BAO, che ha già ospitato altre due opere dell’autore, Reverie e Soul Guide

Tu sei il più bel colore del mondo arriva, come l’ultimo di una sorta di trilogia, a confermare il talento di Zhao, che questa volta ci regala un corposo volume di quasi 600 pagine. Se con gli altri due titoli le atmosfere erano però surreali, con questa storia l’autore ci dà accesso diretto alla vita – più che mai concreta e reale – del giovane protagonista, Zhou Rucheng, un adolescente che si appresta a terminare le scuole medie e a sostenere gli esami di ammissione al liceo. 

È lo stesso protagonista a farci da Cicerone attraverso gli eventi della sua vita, guidandoci tra quelli che per lui sono gli aspetti più importanti: l’amore per Liu Yun, le pene per un bullo che tormenta lui e i suoi amici, la scuola ormai al termine e i suoi piccoli interessi. Il punto di vista è proprio quello di un adolescente, che ci confida i suoi pensieri più intimi, le sue preoccupazioni, l’ansia di possibili fallimenti, insieme a quella certezza, tipica di molti adolescenti, di essere un incapace. A questi elementi si alterna la grande passione di Zhou per il disegno, che si trasforma presto quasi in ossessione, quando si rende conto di non riuscire a distinguere i colori come dovrebbe. Da qui scaturiscono le paure del piccolo protagonista, che crede di essere destinato a una vita mediocre perché non abbastanza bravo, prima di imparare a riconoscere l’importanza delle sfumature e a metterle a fuoco.

Ci sono numerose trame verticali che si sviluppano nelle tavole di questa graphic novel, soltanto all’apparenza costruite per dare rilievo a un aspetto particolare della vita di Zhou, ma che alla fine si rivelano intrecciate indissolubilmente, in un groviglio di forti emozioni che travolgono il protagonista e, con lui, il lettore. Se c’è qualcosa in cui Golo Zhao è straordinariamente bravo, è l’abilità di evocare stati d’animo potenti non solo nei suoi personaggi, ma ancora di più in chi li legge. 

2

Il punto di forza di questo fumetto è proprio l’assoluta legittimità di quello che ci viene raccontato: i fatti, ma soprattutto i sentimenti e le emozioni che li accompagnano e che Zhou e i suoi amici provano, sono del tutto comprensibili, non appaiono improbabili o lontani per i lettori. Questa è una storia di adolescenza, che ci ricorda in modo delicato, ma assolutamente concreto e profondo, le sensazioni che tutti noi abbiamo provato almeno una volta da ragazzi: non empatizzare con il protagonista si rivela quasi impossibile, anche grazie alla trasparenza con cui ci coinvolge in quello che vive e prova.

Tu sei il più bel colore del mondo è anche un coinvolgente romanzo di formazione, in cui Zhou, con il passare del tempo e lo scorrere della narrazione, cresce emotivamente, fino a sviluppare un’inaspettata maturità. Se infatti già dall’inizio della storia veniva rappresentato come un ragazzo sensibile, ben presto scopriamo nel giovane protagonista la capacità e la forza di mettersi in discussione, di disperarsi, di riflettere su se stesso e di riconoscere le proprie emozioni, con momenti di introspezione profonda e quasi destabilizzante.

Questa sensazione viene veicolata anche dalla narrazione, gestita magistralmente dall’autore, che con il suo ritmo lento, ma non per questo meno avvincente, avvolge la storia in un’atmosfera rassicurante e gentile. 

TU SEI IL PIÙ BEL COLORE DEL MONDO1

A questo contribuisce la componente grafica che dà nuovamente prova delle abilità tecniche di Golo Zhao. La composizione  delle tavole è ben curata e scandisce perfettamente il ritmo della storia, senza creare confusione e, anzi, conferendo il giusto dinamismo alle scene che lo richiedono maggiormente. Ma è sicuramente lo stile di disegno l’elemento che attira maggiormente l’attenzione dei lettori. Il tratto è semplice – ma non per questo banale – ed estremamente suggestivo, e conferma ancora una volta la vicinanza dello stile di Golo Zhao a quello di Miyazaki e dello Studio Ghibli, riadattandolo però in una maniera riconoscibile e personale. Ad arricchire le illustrazioni ci sono poi i colori dalle tinte pastello che, insieme a un uso sapiente e incredibilmente preciso della fotografia, sono in grado di produrre le atmosfere dolci e delicate che ripercorrono tutte le tavole.

Tu sei il più bel colore del mondo è una storia che offre uno sguardo nella vita di un ragazzo che, silenziosamente ma con estrema potenza, ci ricorda cosa significa essere adolescenti. Non è esattamente un romanzo per ragazzi, ma una graphic novel pensata per chi ha voglia di riscoprire la purezza, talvolta dimenticata, delle emozioni e la loro validità, in qualsiasi momento della vita.

Abbiamo parlato di:
Tu sei il più bel colore del mondo
Golo Zhao
Traduzione di Elisabetta Bellizio
Bao Publishing, 2020
576 pagine, brossurato, colori – 25,00€
ISBN: 9788832733969

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su