Parliamo di:

Terra Uno vol. 2: altro Batman, stessa epica

L'eredità di Christopher Nolan: il realismo postmoderno  e la perdita del sense of wonder nel fumetto supereroistico in "Batman Terra Uno".
Articolo aggiornato il 23/09/2017

Gotham City è allo sbando: non solo la corruzione dilaga in ogni ambiente e a ogni livello, ma un pazzo uccide diverse persone in luoghi pubblici, apparentemente scollegate tra loro, dopo aver posto degli indovinelli. Le notizie, ammantate di leggenda, relative a un mostro che si aggirerebbe nelle fogne e a un giustiziere vestito da pipistrello destabilizzano ancora di più il delicato equilibrio della città.

Terra Uno vol. 2: altro Batman, stessa epicaGià dalle prime pagine del secondo volume di : Terra Uno (1) , si intuisce l’intento di : mostrare il lento passaggio dalla criminalità classica a quella più stramba ed eccentrica, che da sempre caratterizza i rivali di Batman.

Si tratta di uno sviluppo visto in diverse occasioni che collega strettamente la città a Batman, poiché il modo in cui Batman lotta per l’affermazione della giustizia finisce per condizionare non solo l’agire ma anche il modo stesso di definirsi dei villain, che si allontanano sempre più dalla quotidianità ordinaria.
E infatti Anno Uno nei fumetti e Batman Begins al cinema mostravano chiaramente come inizialmente la perdizione di Gotham non aveva connotazioni grottesche, ma una pura e semplice matrice mafiosa. In particolare, nel primo volume la minaccia da affrontare era molto terrena (il sindaco Oswald Cobblepot), e l’unica concessione al mondo dei freaks era il ragazzo dei compleanni, tutto sommato una figura abbastanza credibile, per quanto eccessiva nel modus operandi.

Ora i nemici cambiano: entra in scena l’Enigmista, in una versione più cruda di quella classica. Lontano dal dandy raffinato e rispettoso delle regole del gioco da lui stesso imposte, questo Edward Nygma è un trasandato assassino al soldo di alcuni misteriosi committenti, che usa lo stratagemma degli indovinelli più come fumo negli occhi che per naturale ossessione psicotica.
Una visione molto più cinica di questo villain, meno accattivante, forse, ma di certo più concreta e soprattutto adatta alla trama generale della storia, che si può apprezzare nella sua pienezza solo nelle ultime pagine, grazie a una costruzione molto abile dell’intreccio.

Notevoli le differenze rispetto alla cronologia ufficiale di Batman: le varie, piccole differenze da inserire in questa realtà rispetto a quella canonica potrebbero facilmente sembrare un pretesto obbligato per allontanarsi dal canone, ma lo sceneggiatore è invece in grado di inventare soluzioni intriganti e spesso a sorpresa, che mettono sotto una nuova luce personaggi come Killer Croc e Harvey Dent, inserendo anche un inside joke davvero azzeccato nell’ultima tavola.

Johns cade invece in soluzioni più banali quando si tratta del protagonista: per quanto sia coerente un Bruce Wayne dubbioso sul suo ruolo e la sua missione nei primi momenti della sua carriera da vigilante mascherato, tale condizione psicologica è trattata in maniera ordinaria, senza coinvolgere davvero il lettore nelle turbe dell’eroe, ma limitandosi a indicarle in modo non dissimile da quanto visto più e più volte con il personaggio. È un peccato, specialmente considerando che l’interrogativo sul senso della sua missione è uno dei punti focali del volume.

Terra Uno vol. 2: altro Batman, stessa epica

James Gordon, Bullock e Alfred ricoprono invece ruoli chiave ben sfruttati nella trama: i due poliziotti formano una squadra fallibile e con diversi difetti, ma compensandoli tra di loro restituiscono ai lettori due personalità credibili e realistiche. In particolare, il declino che porta Bullock in una spirale di alcolismo e autocommiserazione, in seguito alla disillusione sulla forza della legge, è raccontato molto bene, alternando anche sprazzi di ritrovato ottimismo grazie alle iniezioni di coraggio da parte di Gordon.
Alfred si riconferma il personaggio più valorizzato dal nuovo approccio di tutta la serie: apparentemente distante nei modi dal maggiordomo compassato e saggio, mantiene in realtà quell’attaccamento genuino e attento verso Bruce. Rude, violento, sarcastico: un ex militare in tutto e per tutto, riesce però ad essere un ottimo sostegno per Batman, in maniera dissimile ma equivalente a quella dell’Alfred canonico.

In generale, questa ricerca di maggior concretezza nelle storie di supereroi, che si rispecchia soprattutto nell’attenzione verso la caratterizzazione realistica dei personaggi, è sintomatica degli ultimi decenni e ha trovato particolare compimento proprio nella trilogia cinematografica di Batman diretta da Christopher Nolan.
Una deriva probabilmente dettata dall’allargamento del bacino di pubblico e dalla ricerca di una maggior sofisticatezza del racconto.

Johns in Terra Uno non calca troppo la mano su questo elemento, ma lo utilizza come tappeto narrativo naturale su cui ambientare la propria storia: da un lato immola il sense of wonder, rendendo più verosimili i personaggi che circondano Bruce (l’Enigmista in fin dei conti è un comune terrorista, solo vagamente più eccentrico, mentre Killer Croc è un uomo affetto da una grave malattia della pelle), ma dall’altro non rinuncia all’atmosfera grottesca tipica di Gotham City e all’azione supereroistica.

Terra Uno vol. 2: altro Batman, stessa epica

I disegni di incorniciano molto bene la storia: il tratto dell’artista è netto, sottile e ricercato, l’occhio indugia piacevolmente sui tanti dettagli che vengono disseminati nelle vignette e i personaggi appaiono ben costruiti, con una presenza fisica massiccia, anche se forse poco dinamica.
Un difetto che si riscontra è l’indugiare eccessivo delle splash-pages: graficamente consentono di avere pagine esteticamente d’impatto e di grande pathos, ma hanno l’effetto collaterale di sembrare delle pin-up scollegate dall’insieme e di rallentare l’azione, come un rallenty in un film.

A parte questo il disegnatore consegna ai lettori tavole di grande perizia grafica, capaci di immergere pienamente nelle atmosfere gothamite e di accompagnare bene la storia.

Abbiamo parlato di:
Batman: Terra Uno – vol. 2
Geoff Johns, Gary Frank, Jon Sibal, Brad Anderson
Traduzione di Simona Martone
Lion Comics, luglio 2016
160 pagine, cartonato, colori – 17,95 €
ISBN: 9788869714047


Note:
  1. Terra Uno è una serie di testate dedicate ai personaggi DC e ambientate in Terra Uno, una delle 52 dimensioni parallele dell’attuale Multiverso DC 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

   

Inizio