Storie disegnate. Fumetti in Villa Fabbricotti

Storie disegnate. Fumetti in Villa Fabbricotti
Con "Storie disegnate. Fumetti in Villa Fabbricotti", la Biblioteca Labronica “F. D. Guerrazzi” decide oggi di avvicinare il suo pubblico al fumetto con un percorso dedicato al linguaggio affascinate e complesso della nona arte in cui le storie incontrano il disegno, l’illustrazione e la grafica, dando vita a narrazioni sequenziali...

Comunicato stampa

Con “Storie disegnate. Fumetti in Villa Fabbricotti” (esposizione aperta fino al 22 luglio), la Biblioteca Labronica “F. D. Guerrazzi” decide oggi di avvicinare il suo pubblico al fumetto con un percorso dedicato al linguaggio affascinate e complesso della nona arte in cui le storie incontrano il disegno, l’illustrazione e la grafica, dando vita a narrazioni sequenziali più o meno estese.

Il fumetto nel nostro paese fa sfoggio da circa 50 anni di tutta la sua portata culturale attraverso la forma del graphic novel. Dalla pubblicazione di Una Ballata del Mare Salato di Hugo Pratt (1967), considerato da molti il primo romanzo disegnato italiano, il libro a fumetti diviene un mezzo ideale per veicolare storie che spaziano tra generi narrativi diversi-dai romanzi d’avventura o d’azione, a quelli romantici o sociali, fino a sfociare in forme letterarie come quella del saggio scientifico o dell’approfondimento giornalistico. Nella sua forma autoconclusiva, romanzata o meno, il fumetto sembra poter contenere gran parte della complessità del mondo contemporaneo e delle esperienze che lo attraversano, generando una foltissima varietà di espressioni.

Le tavole in mostra vogliono rendere testimonianza dello stato della nona arte: il progetto espositivo si concentra su un ventaglio di autrici e autori che hanno all’attivo una o più pubblicazioni. Le sale della Villa Fabbricotti ospiteranno i lavori di Bruno Cannucciari, autore insieme a Emiliano Pagani di Kraken (Tunué, 2017), storia in bilico tra romanzo d’avventura e horror, con attenzione all’elemento del riscatto sociale di un’intera comunità. Ci sarà spazio per un saggio scientifico-ambientale sul cambiamento climatico, di Tuono Pettinato e Francesca Riccioni, che con Non è mica la fine del mondo (Rizzoli, 2017) firmano il loro secondo romanzo a quattro mani, così come per il genere biografico con Violeta- corazón maldito (Bao Publishing, 2017), biografia dell’artista folk cilena Violeta Parra di Virginia Tonfoni e Alessio Spataro. Il disegnatore Daniele Caluri porterà in mostra vari esempi della sua produzione sceneggiata da Emiliano Pagani: Don Zauker, Venga il regno, (2017), quarto episodio autoprodotto incentrato sulla figura del prete esorcista, esempio di satira feroce, La Fiamma-Dylan Dog 373 (Bonelli, 2017), dove l’indagatore dell’incubo si trova coinvolto nelle rivolte di Londra e L’ispettore Buddha. Nirvana Leaks, ultimo spin off della serie Nirvana (Panini Comics, 2018). Il giornalismo a fumetti, sottogenere che in questi anni recenti registra una fortissima crescita, sarà rappresentato dal lavoro del prolifico sceneggiatore e giornalista Marco Rizzo che con Francesco Ripoli esporrà tavole di Ilaria Alpi. Il prezzo della verità (BeccoGiallo, 2008), recentemente ristampato in una versione ampliata e arricchita.

Presentazioni

Un ciclo di presentazioni nel parco, realizzato con la collaborazione de Il Chioschino di Filippo Brandolini, accompagnerà il percorso espositivo, secondo il seguente calendario:

Domenica 24 giugno
Ilaria Alpi (Rizzo, Ripoli)

Giovedì 28 giugno
Kraken (Cannucciari, Pagani)

Giovedì 5 luglio
Don Zauker – Venga il regno (Pagani, Caluri)

Venerdì 13 luglio
Non è mica la fine del mondo (Riccioni, Tuono Pettinato)

“Storie disegnate. Fumetti in Villa” è un progetto coop. Itinera, in collaborazione con il Comune di Livorno e Il Chioschino di Filippo Brandolini, organizzato da Marco Giovannetti (coop. Itinera) e Virginia Tonfoni (giornalista e curatrice).

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su