Neve rossa: elegia delle tradizioni rurali

Neve rossa: elegia delle tradizioni rurali
Coconino Press porta per la prima volta in Italia alcune storie del maestro Susumu Katsumata che raccontano il Giappone rurale del secolo scorso, tra leggende folkloristiche e realismo puro.

Neve rossa è una raccolta di racconti, scritti da Susumu Katsumata tra la fine degli anni ’70 e la metà degli anni ’80, che si è aggiudicata il Gran premio dell’associazione mangaka giapponesi nel 2006. Katsumata, come spiega benissimo Paolo La Marca nella postfazione del volume, è un artista riscoperto da poco: al tempo in cui scriveva e disegnava queste storie aveva un discreto seguito di fan, ma è solo con la pubblicazione di Akai yuki nel 2005 (sfortunatamente due anni prima della sua morte) che raggiunge il successo di critica e pubblico.neve-rossa-imm1_Recensioni

Uno degli elementi che mostra l’intensità e la qualità di questo lavoro è la fusione tra il realismo della vita rurale nel Giappone del secolo scorso e gli elementi folkloristici dello stesso paese. L’autore narra la vita quotidiana di poveri contadini e signorotti locali, come ad esempio le celebrazioni festive, la produzione del sakè e il cambiamento delle stagioni, non lesinando però su tematiche dure in pieno stile gekiga come la violenza domestica, il ruolo delle donne nella società, le difficoltà dell’amore e la sua intrinseca passionalità.

Tutto ciò si combina e rapporta con un mondo altro, un universo popolato da kappa (1) , yuki-onna (2) , spiriti degli alberi e animali parlanti della tradizione giapponese.
Questa combinazione si avvicina come toni alla poeticità di Ueda Akinari in Racconti di pioggia e di luna (Ugetsu monogatari) (1788) e come (non-)conclusioni all’insolutezza sfumata ma brusca de La storia di Genji (Genji monogatari) (XI°secolo) di Murasaki Shikibu.

neve-rossa-imm2_Recensioni Nei villaggi di campagna isolati che scorrono tra questi pagine male e bene non esistono: tutto ciò che esiste sono l’uomo e il soprannaturale, in un contatto al tempo stesso comune ed eccezionale. Un contatto che genera e porta a esperienze uniche che, come la neve alla fine dell’inverno, si dissolvono lasciando spazio allo sbocciare di emozioni intense e fuggevoli come i fiori di ciliegio.

I disegni di Katsumata, dal tratto pulito e dalla linea sottile, sprigionano un’eleganza inconfondibile; i dettagli dei vestiti, degli strumenti e delle abitazioni dei contadini sono delineati con dovizia di particolari. Le rappresentazioni degli ambienti, invece, si alternano tra realismo e surrealismo: in alcuni casi sono perfette istantanee della campagna giapponese mentre, in altri, si caricano di aspetti simbolici e metaforici a indicare momenti di profonda emotività o estasi dei sensi.

L’uso del nero si divide tra le classiche campiture uniformi e un utilizzo più sfumato che tende a creare una precisa atmosfera e sensazione nel lettore. La rappresentazione dei personaggi sotto forma di semplici silhouette in contrasto con lo sfondo rinforza inoltre l’esaltazione degli attimi catartici nei diversi racconti e mostra ulteriormente la classe dell’autore, che sa anche essere misurato nei momenti culminanti.

Neve rossa è un volume fondamentale perchè presenta un diverso spaccato del manga d’autore, portando anche in Italia una nuova prospettiva sul gekiga e sul fumetto giapponese in generale.

Abbiamo parlato di:
Neve rossa
Susumu Katsumata
Traduzione di Vincenzo Filosa
, marzo 2018
232 pagine, brossurato, bianco e nero – 19,00 €
ISBN: 9788876183829


Note:
  1. spiriti dalle sembianze umanoidi dotate di becco e guscio di tartaruga, con una caratteristica depressione piena d’acqua sulla testa 

  2. letteralmente “donna delle nevi”, spirito di una donna bellissima morta assiderata 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su