Nathan Never e Mister Perfect: può un robot uccidere un umano?

Nathan Never e Mister Perfect: può un robot uccidere un umano?
Nathan Never di nuovo alle prese con un presunto omicida robotico, in un'indagine complessa impreziosita da disegni di alto livello.

366_cop deve far luce sui difetti di Kevin, sofisticato robot C-20, prodotto dalla Perfectronics. Quando l’androide viene sorpreso vicino al cadavere della donna con cui vive, un incarico semplice si trasforma in un caso di omicidio con caccia al presunto colpevole.
In Mister perfect, scritto da  e disegnato da Guido Masala ed , si torna a parlare di robot, come accaduto in Memorie di un assassino. Ma rispetto al precedente albo, lo sceneggiatore pone l’attenzione sulla vita sociale e sui rapporti che possono svilupparsi fra donne umane e partner sintetici.
La storia è lineare, con ritmo veloce ma non frenetico che tiene alta l’attenzione senza lesinare sull’approfondimento caratteriale dei personaggi.
Medda non perde occasione per fare ironia, soprattutto intorno ai luoghi comuni di una relazione, ma è anche crudo nell’affrontare il delicato tema della violenza sulle donne.
Sono assenti, ma restano sullo sfondo, riferimenti diretti alla letteratura dei robot positronici, mentre lo sceneggiatore propone un simpatico collegamento con Il Campione, sedicesimo albo della serie regolare datato 1992.   
I disegni di Masala e Pianta sono un valore aggiunto. Entrambi propongono segni ricercati, diversi fra loro ma bene assimilati e basati sulla linea chiara: lo stile iniziale sfrutta sfumature, tratteggio e un uso non invadente dei retini. Il resto del fumetto ha un tratto più tradizionale ma curato nei dettagli e con una particolare resa della luce, in grado di regalare effetti interessanti come superfici lucide o i movimenti di un robot al rallentatore. Colpiscono sia la recitazione dei protagonisti sia le ambientazioni, con campi medi e lunghi di una Città Est frenetica, solitaria o addirittura poetica, come in una doppia a tavola 37.
Entrambi gli stili aumentano il realismo e il coinvolgimento del lettore, anche grazie a una composizione della tavola varia, a 3, 4 o 5 strisce, a immagini a tutta pagina con vignette sovrapposte e a vignette irregolari o scontornate.

Abbiamo parlato di:
#366 – Mister perfect
, Guido Masala,
Editore, novembre 2021
96 pagine, brossurato, bianco e nero – 4,40€
ISSN: 977112157300100366

366_tav

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su