La donna degli udon (Est Em)

La donna degli udon (Est Em)
Per la collana Showcase, la Dynit porta per la prima volta in Italia l'opera elegante e adulta di Est Em, caratterizzata da un realismo colmo di dettagli che consente al lettore di comprendere i dubbi, le preoccupazioni e le pulsioni sessuali che albergano nei personaggi.

la-donna-degli-udon_BreVisioni L’autrice Est Em (Tokyo, classe 1981), già nota al pubblico per le sue opere boys’ love, presenta un manga josei dalle tematiche tristemente comuni: divorzio, problemi di comunicazione interpersonale e difficoltà di realizzazione individuale. La protagonista, Chika, ben lontana da ciò che i manga d’amore scolastici propongono, è una donna di trentacinque anni, indipendente e quasi austera, che intreccia una sorta di relazione con Kino, giovane studente d’arte.
Lo stile narrativo alterna serratamente i pensieri dei protagonisti tra realtà e fantasia erotica. Gli udon che la protagonista serve come lavoro nella mensa universitaria, vengono fortemente sessualizzati dallo studente, il quale decide di renderli protagonisti di un suo dipinto. In seguito, la figura della donna e la voglia del corpo di lei, si fondono nel desiderio reciproco di mangiare insieme, nel più puro cliché da coppia. Tuttavia quella di Chika e Kino è una storia che procede a tentoni, in maniera goffa e capricciosa.
Il tratto di Est Em risulta pulito e lo stile grafico verte sul realismo. Le vignette sono ariose, l’utilizzo di inchiostrazione è minimale e l’uso dei retini appare contenuto, indirizzando lo spettatore sull’emotività del momento, il vivere l’adesso e il rassegnarsi a quel desiderio che, tra due persone, cresce e vacilla per piccoli segnali mal interpretati. Nel complesso, è un’opera decisamente godibile, pregna di una sensualità sobria e mai volgare, in cui albergano il bisogno e il timore di amare, propri della natura umana.

Abbiamo parlato di:
La donna degli udon
Est Em
Traduzione di Asuka Ozumi
, febbraio 2019
184 pagine, brossurato, bianco e nero 16,90 €
ISBN: 9788833550534

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su