Julia #237 – Web star (Berardi, Calza, Spadoni)

Julia #237 – Web star (Berardi, Calza, Spadoni)
Nell'albo di Julia di giugno, Giancarlo Berardi, Lorenzo Calza e Cristiano Spadoni (con la collaborazione di Lorenzo Bovo, Antonio Marinetti e Marianna Ignazzi) affrontano tematiche d’attualità, addentrandosi nel mondo degli influencer e nella socialità virtuale.

1524637742998.jpg-_BreVisioni Con Web star e innestano nel consolidato meccanismo seriale argomenti di estrema attualità: l’episodio parla dell’uso incondizionato e onnipresente dei social, concentrandosi sul mondo degli influencer e più nello specifico approfondendo le conseguenze e le storture dell’ostinata ricerca di visibilità sul web.
Philomena “Menny” è una giovane fashion blogger con un ampio numero di follower che viene ritrovata morta dopo esser stata involontaria protagonista di uno snuff movie. In collaborazione con il Dipartimento di Garden City, viene coinvolta nell’indagine, immergendosi in un contesto dove il virtuale si trasfigura in eventi tristemente reali.
Una storia angosciante, a tratti persino tragica, che mette in risalto una certa superficialità contemporanea nella gestione dei rapporti interpersonali, legata appunto anche al ruolo sociale delle tecnologie moderne.
L’episodio è realizzato ai disegni da con la collaborazione di Lorenzo Bovo, Antonio Marinetti e Marianna Ignazzi. Nonostante le quattro firme, le tavole mantengono una buona uniformità stilistica, improntata come sempre al realismo e a una rappresentazione sobria anche dei dettagli più morbosi e cruenti.
In sostanza l’albo conferma una capacità non comune da parte degli autori di raccontare il presente in maniera intensa e senza sconti, lasciando trasparire uno sguardo profondo verso le dinamiche che animano la società contemporanea.

Abbiamo parlato di:
Julia #237 – Web star
Giancarlo Berardi, Lorenzo Calza, Cristiano Spadoni, Lorenzo Bovo, Antonio Marinetti, Marianna Ignazzi
, giugno 2018
132 pagine, brossurato, bianco e nero – 4,00 €

Julia-237-c_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su