Fantascienza in salsa Disney: Star Top di Enna e Perina

Si chiude con una storia in due tempi la seconda stagione della versione Disney di Star Trek, creata da Bruno Enna e Alessandro Perina.

Da Star Trek a Star Top e ritorno

Fantascienza in salsa Disney: Star Top di Enna e PerinaSerie televisive come Doctor Who (1963), Ai confini della realtà (1959) e Star Trek (1966) hanno posto le basi per il successo della fantascienza in televisione.
In particolare Star Trek, ideata da Gene Roddenberry, deve il suo successo a tutta una serie di elementi che vanno dall’utilizzo di una scienza quanto più “plausibile possibile” alla diffusione di un messaggio di pace tra popoli e culture differenti, pur senza nascondere le ovvie difficoltà nel processo di dialogo tra civiltà aliene.
Molti, poi, sono stati gli scienziati appassionati o che sono stati influenzati dalla serie: ad esempio lo space shuttle del 1976 venne chiamato Enterprise proprio in onore dell’astronave protagonista di Star Trek.

Così, in occasione del cinquantennale della messa in onda della prima serie e in coincidenza con l’uscita nelle sale di Star Trek Beyond, terzo film del reboot cinematografico che ha rilanciato la serie nel 2009, Topolino pubblica la seconda stagione di Star Top, saga ideata da e assegnata per i nuovi episodi al talento grafico di .

Fantascienza in salsa Disney: Star Top di Enna e Perina

In particolare, Enna risolve il primo dei nodi narrativi introdotti nella prima serie di Star Top, pubblicata sul settimanale nel dicembre del 2014: la sfida con Gran-Khan-Gnar, versione disneyana di Khan Noonien Singh, villain introdotto per la prima volta nell’episodio della serie classica Spazio profondo e rilanciato dal regista J. J. Abrams nel film Into Darkness del 2013, interpretato da Benedict Cumberbatch.
Uno degli aspetti interessanti del personaggio originale era il suo legame con l’ingegneria genetica: mentre questa caratteristica viene in parte trasformata nella storia di Bruno Enna, grazie alla capacità di Gran-Khan-Gnar di modificare il proprio aspetto, resta intatto il suo desiderio di dominio sulla Terra. A completare il personaggio ci pensano poi alcuni elementi ispirati da Into Darkness, ottenendo alla fine un cattivo di un certo spessore che potrebbe tornare in futuro, anche grazie all’introduzione del concetto delle realtà alternative, peraltro uno degli elementi fantascientifici presenti nella serie.

Fantascienza in salsa Disney: Star Top di Enna e Perina

Verso casa

Per l’ultimo atto della seconda stagione di Star Top, Bruno Enna si prende più spazio per raccontare gli eventi in corso, raddoppiando il numero di pagine che compongono questo episodio rispetto ai precedenti.
Scelta quanto mai dovuta per una saga che ha dimostrato una buona qualità complessiva e una certa tendenza alle scene d’azione, che abbisognano di spazio per essere presentate in maniera efficace.
L’ultimo episodio, dal titolo Verso casa, si sviluppa in due universi paralleli, con una doppia sfida a Gran-Khan-Gnar caratterizzata da un ritmo serrato che lascia il lettore incollato alle pagine, mentre le divertenti gag disseminate da Enna nel testo arricchiscono la lettura senza spezzare la narrazione.
Il tema della realtà alternativa, e delle omologhe versioni dei personaggi della serie, è di sicuro fascino e allo stesso tempo permette di portare a degna conclusione la trama generale, grazie allo svelamento della vera identità del nemico.

Alessandro Perina rappresenta questa movimentata avventura coniugando il suo tratto morbido e rassicurante con vignette ricche di esplosioni e combattimenti, con un risultato grafico molto piacevole e di tutto rispetto. I protagonisti vengono raffigurati secondo lo stile dinamico a cui il disegnatore ci ha abituato negli episodi precedenti, mentre gli sfondi risultano sempre dettagliati. La costruzione delle tavole è caratterizzata da una certa libertà che asseconda il ritmo narrativo e rende vivace la scansione delle vignette.

Fantascienza in salsa Disney: Star Top di Enna e Perina

Nel corso dell’avventura trova compiutezza anche l’introduzione della regina Zenobiak, avvenuta nel primo episodio, che qui recita un ruolo importante per l’esito della vicenda; è invece risolta in modo troppo frettoloso la sottotrama della prigionia dell’ufficiale scientifico Pippok sul pianeta Rotulo I, anche considerando il ruolo cardine del personaggio per la conclusione della storia, che viene raccontata attraverso una tavola di flashback ma che forse avrebbe meritato un’attenzione maggiore.
Si tratta comunque di un piccolo dettaglio che non inficia la riuscita della storia nel suo complesso.

In generale Verso casa si configura come un finale solido e soddisfacente, e l’ultima pagina – che ricalca la tipica scena finale dei film di Star Trek, con l’Enterprise/Enter-Play diretta verso nuove imprese – è densa di significato, aprendo a un futuro proseguimento della serie.

Abbiamo parlato di:
Topolino #3165 – Star Top: Verso casa
Bruno Enna, Alessandro Perina
, 20 luglio 2016
164 pagine, brossurato, colori – 3,00 €
ISSN: 9 771120 611001 63165

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

   

Inizio