Iron Fist vol. 2 – Le sette capitali del paradiso

di , e
, 2009 – 160 pagg. col. bros. – 14,00euro
Continua l’opera di ricostruzione da parte di Brubaker e Fraction del personaggio di Pugno d’Acciaio, con la creazione di una mitologia nuova e intrigante. dei precedenti possessori del ruolo di si intrecciano con quelle dell’attuale, Danny Rand, che si trova a fare i conti con un passato che non conosceva. I due sceneggiatori sono abilissimi a creare l’atmosfera, a mescolare i registri narrativi seri con quelli più ironici, senza per questo diminuirne l’efficacia. Ad aiutarli, oltre al bravo , una serie di disegnatori ospiti chiamati a interpretare racconti ambientati nel passato. In particolare si segnala l’annual affidato a Brereton e Djurdjevic, capaci con il loro stile pittorico di infondere epicità alla storia, e a un Chaykin che sembra mettere un altro tassello alla parabola discendente del suo talento, qui veramente sprecato nonché appiattito dalla colorazione digitale. (Ettore Gabrielli)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su