Home > Articoli > Recensioni > Palestina di Joe Sacco: uno storyteller in Palestina

Palestina di Joe Sacco: uno storyteller in Palestina

Palestina di Joe Sacco: uno storyteller in Palestina   Joe Sacco Conflitto israelo palestinese Palestina. L’ha chiamato così, l’americano , il suo lucidissimo reportage a fumetti sulla storia e la vita della gente di questo territorio. Senza sentire il bisogno di aggiungere a quel nome-programma alcun sottotitolo esplicativo, interpretativo, direzionale.
Gli ci sono voluti alcuni anni, dal 1991 al 1994, per mettere definitivamente su carta la sua personale visione, ma meglio sarebbe dire esperienza, di Palestina. Del complesso lavoro di questo narratore, che non si accontenta di dire con le parole ne’ di mostrare attraverso il disegno, fanno testo tre successive edizioni americane, rispettivamente del 1993, 1994 e 1998.
Tutto inizia nel 1991.

Volevo verificare di persona le condizioni di vita dei palestinesi sotto l’occupazione israeliana. Anche se a Madrid era stato avviato il “processo di pace”… la possibilità di un trattato di pace accettabile tra palestinesi e israeliani sembrava remota.

Palestina di Joe Sacco: uno storyteller in Palestina   Joe Sacco Conflitto israelo palestinese Sacco se ne va dunque a Gerusalemme Est, e da lì in Cisgiordania e nella striscia di Gaza. In solitaria. Lasciandosi letteralmente portare da quella preziosissima cosa che è il caso e da una forte disponibilità a ascoltare, guardare, entrare in relazione. Da casa Sacco sembra essersi portato solo alcune Domande. Uso la maiuscola per distinguere le vere Domande, quelle che vanno in cerca di una vera Risposta, cioé di tante e contraddittorie e provvisorie risposte che poi uno deve aggiustarsi da se’ fino a trovarci un senso, dalle finte domande, che in realtà sono giudizi già belli e che fatti, che chiedono solo conferma e spesso neanche quella, perché non ne hanno bisogno. E sì che – ed è lo stesso Sacco a suggerircelo più volte – atterrare sul pianeta Palestina venendo dall’America a stelle e strisce non è mica roba da ridere: uno si ritrova tra i piedi un mucchio di buoni sentimenti, parecchi sensi di colpa, una miscellanea di sentiti dire, luoghi comuni, cliche’ tardo-orientalisti e quel vago impulso alla fuga che è di chi, refrattario ai valori e alle ragioni dell’Impero, dall’Impero pur sempre proviene e con esso inevitabilmente rischia di essere identificato.
Cosa fa dunque, in apertura di questo vertiginoso pamphlet/diario/libro di storia/racconto a più voci, il nostro autore? Direi che costruisce un triangolo, mettendo indirettamente in chiaro che il numero magico, quello delle soluzioni, delle vie d’uscita, dei compromessi onorevoli, è appunto il tre. Innanzitutto un testo fitto fitto e sapiente a ricordarci i principi elementari di economia politica palestino/israeliana. Poi una mappa, la geografia della discordia: Israele con la sua sagoma a lama di coltello che affonda nel Vicino Oriente e i territori occupati/stato di Palestina in formazione aggrappati e quasi sul punto di scivolare via nell’assoluta verticalità del disegno. E infine lui, l’autore, il testimone, raccoglitore di storie e voce narrante, ripreso discretamente di spalle mentre dall’alto delle mura di Gerusalemme, quasi confuso con la loro porosa superficie, osserva quel paesaggio di pietre e sabbia che verso il tramonto si tinge d’oro. Un “excursus storico”, una cartina e uno sguardo. Riproviamo: il passato, vale a dire la materia inerte e immutabile di cio’ che è stato, il bisogno e l’ingombro della memoria; il presente, una cartografia che illustra le asimmetrie del potere e la volatilità delle soluzioni dall’alto, vuoto e troppo pieno silenzio, il bianco (Israele) che cancella e invade il nero (i paesi arabi), oppure il nero che inghiotte il bianco, simbologia dietro la quale si intuisce l’attrito dei corpi; l’osservatore distante, story-teller e testimone, estraneo alla scena se non per un atto di libera amorosita’, abilitato a guardare e a raccontare da una sorta di intimo fuori campo.

La sua storia di Palestina, Sacco dice di averla costruita intervistando tutti quelli che incontrava, facendosi raccontare non solo la loro storia, ma anche le tante storie che ognuno aveva a sua volta sentito raccontare da familiari, amici, conoscenti; e poi i sogni, i desideri, le paure, le fantasie, le piccole miserie, insomma la materia concreta della vita. La posizione dell’autore è pero’ molto più di quella di un bravo intervistatore: il suo segreto consiste, probabilmente, nella capacità di esserci senza dare nell’occhio, di diventare parte della scena al punto di far dimenticare la propria presenza. Eppure in molte delle sue tavole Sacco include anche se stesso, sovente per fare da detonatore a una conversazione o a una confidenza, altre volte per costruire un vero e proprio sottotesto, che è quello del diario personale, della riflessione sul “che cosa ci faccio qui”. E sono, queste ultime, pagine davvero irresistibili, perché mettono a tema – alla faccia di ogni correttezza politica o ideologico dover essere – la surreale doppia estraneità del pur motivato straniero in terra di Palestina: le sue caratteristiche somatiche, il suo abbigliamento, i suoi occhialini da intellettuale occidentale, l’inglese-americano che parla, la sua macchina fotografica, sono un apparato segnaletico che lo inchioda a una vistosa alterita’. Scambiato spesso per quello che non è (israeliano, semplice turista), e come tale trattato, Sacco approfitta genialmente di questo primato dei significanti per dire a sua volta quelle verità che spesso chi arriva in un luogo spinto dalla passione politica non ha più il coraggio di nominare o, forse, di vedere. Diciamo che la penna graffiante di Sacco non disegna ne’ scrive sotto ricatto politico o morale, e neppure sotto ricatto affettivo. Ed è questo suo essere così sincera e così sinceramente fuori linea, così poco ansiosa di “servire” una qualche causa, a renderla credibile. ha probabilmente dato alla Nakba palestinese e alle sue feroci e attualissime conseguenze quello che con Maus Art Spiegelman diede, qualche anno fa, all’Olocausto: una storia fatta di voci e di immagini che ci riguardano. Impossibile non ascoltarla con attenzione.

Articolo scritto da Maria Nadotti
Tratto da Interactive Comic per gentile concessione.