Viaggio, tra spazio e sentimenti, di un Raggio di sole

Viaggio, tra spazio e sentimenti, di un Raggio di sole
La fumettista Tillie Walden in "Su un raggio di sole" ci immerge tra antichi edifici decadenti, galassie lontane e relazioni da salvare.

Su un raggio di soleUscito inizialmente come webcomic a puntate su un sito internet dedicato (ancora disponibile gratuitamente, peraltro) e successivamente pubblicato in cartaceo negli USA nel 2018, ha tradotto e pubblicato in Italia Su un raggio di sole di Tillie Walden.

Pur essendo molto giovane, la fumettista texana in poco tempo è riuscita a diventare una delle voci più interessanti e seguite del panorama fumettistico internazionale, tanto da essere candidata già all’età di venti anni a diversi premi, come gli Ignatz Awards e gli . In Italia, la collana di aveva pubblicato nel 2018 Trottole, uno dei suoi più di successo, e ora ha annunciato che pubblicherà anche le altre opere inedite di Walden, tra cui Are you listening, già in fase di lavorazione.

In questo fumetto di oltre 500 pagine viene raccontata la storia di Mia, una giovane ragazza che entra in un gruppo di restauratrici, le quali viaggiano nello spazio a bordo della navicella Atkis per ridare lustro ad antichi edifici sull’orlo del decadimento. Mentre comincia pian piano a conoscere le componenti dell’equipaggio, non riesce tuttavia a non pensare a quello che le è successo cinque anni prima: frequentava ancora la scuola quando ha fatto la conoscenza di una ragazza, Grace, con la quale prima comincia a fare amicizia e poi a vivere un’intensa storia d’amore. Tuttavia, a causa di forze maggiori, si sono dovute separare e da allora Mia non ha più rivisto Grace, ma continua a essere al centro dei suoi pensieri, nella speranza di poterla ritrovare un giorno.

SU-UN-RAGGIO-DI-SOLE-p9-minFin dalle prime vignette del fumetto si viene subito immersi all’interno di un mondo fantascientifico, dove il vuoto cosmico pieno di stelle è lo sfondo quotidiano delle finestre; dove le persone viaggiano senza problemi da una parte all’altra dell’universo, tra stazioni spaziali e ammassi terrestri vaganti, grazie a particolari astronavi a forma di pesce; dove l’uomo – inteso come essere di sesso maschile – è completamente assente, anzi non esiste affatto, ci sono solo donne. Al contrario di altre narrazioni fantastiche e fantascientifiche, non vengono spiegati il funzionamento e le regole alla base di questo mondo immaginario: vengono lasciati qua e là dei riferimenti – come la fantomatica Scalinata, lo sport Lux, religioni aliene e altro ancora – ma la vastità e la complessità di questa nuova realtà viene solo intuita e lasciata sullo sfondo degli eventi.

Infatti, se a un primo sguardo Su un raggio di sole può dare l’idea di essere una space opera, in realtà ciò che sta al centro delle vicende sono le relazioni e i sentimenti sottesi a quelle stesse relazioni (tra l’altro, la stessa autrice ha rivelato di non essere per nulla appassionata di fantascienza). E ciò che più rischia di intaccare in modo irreparabile i rapporti che si stringono non solo tra Mia e Grace, ma anche tra tutti gli altri personaggi, non è lo spazio, non le distanze siderali, ma il tempo.

Il tempo è innanzitutto l’elemento che modella tutta la narrazione di Su un raggio di sole. La prima parte del volume, infatti, oscilla costantemente tra il presente di una Mia timida e pacata, intenta a imparare il lavoro di restauratrice e a conoscere le sue compagne, e il passato di una Mia più giovane, una studentessa ribelle e sfrontata, che fa i conti con una storia d’amore travolgente e la sua brusca interruzione. Presente e passato non sono momenti separati della vita della protagonista, ma fluiscono l’uno nell’altro, tanto da destabilizzare in alcuni punti la stessa struttura delle vignette all’interno delle tavole, così come avviene a quegli stessi edifici che le restauratrici cercano di salvare. E questa fluidità di momenti temporali diversi non vale solo per la protagonista, ma, come detto, anche per tutti gli altri personaggi della storia, in costante bilico tra ciò che sono state e ciò che sono nel presente. Nella seconda parte, invece, il tempo diventa una corsa a ostacoli, quasi impossibile da superare se affrontata da sole. E proprio le relazioni – che siano d’amore, d’amicizia o famigliari – sono il nucleo vivo e pulsante di tutta l’opera: da un lato sembrano così fragili da potersi spezzare in qualsiasi momento, ma dall’altro sono l’unica cosa davvero di valore da preservare e coltivare, per una vita più felice e completa.

SU-UN-RAGGIO-DI-SOLE15-757x1024

Anche dal punto di vista artistico, i disegni di Walden a prima vista sembrano voler dare vita a un nuovo mondo tutto da scoprire, soprattutto grazie a una serie di splash page che ritraggono squarci mozzafiato, ricchi di dettagli e colori che suscitano la curiosità del lettore. Ma proseguendo la lettura si viene sempre più colpiti non tanto da ciò che viene mostrato in sé, ma dalla potenza suggestiva, evocativa che traspare da quei disegni. In fondo, pur con lo spazio a fare da sfondo, le scene presentate da Walden ricordano molto fotografie dal sapore agrodolce, dai netti tagli di luci obliqui. I colori ricordano cieli luminosi durante il crepuscolo, carichi di ricordi e di emozioni sopite ma inestinguibili, però non hanno solo una valenza emotiva: essi infatti vengono gestiti dall’autrice per rimarcare spostamenti da un luogo all’altro e da un tempo all’altra, in una sequenza narrativa dai contorni mai netti e molto fluidi.

Su un raggio di sole di Tillie Walden è un’opera vastissima come l’universo che illustra e, allo stesso tempo, il racconto intimo e toccante di persone legate tra loro da legami invisibili, sull’orlo di dissolversi da un momento all’altro eppure così potenti e preziosi, che nemmeno un milione di anni luce può spezzare.

Abbiamo parlato di:
Su un raggio di sole
Tillie Walden
Traduzione di
Bao Publishing, 2020
543 pagine, cartonato, colori – 27,00 €
ISBN: 9788832734836

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su