Smørrebrød alla Beowulf, secondo Pastella

Per accompagnare un nuovo fumetto sull'antico eroe danese, il cuoco Pastella prepara il piatto nazionale: smørrebrød, con salmone, salame o persino mozzarella
Articolo aggiornato il 12/09/2017

Al ristorante dello Spazio Bianco capitano spesso personaggi stravaganti: il capocameriere Marcello è diventato molto esperto nel trattarli nel modo giusto e anche io, cuoco Pastella, devo dire che me la cavo. Ma molto più raro è che arrivi una lettera, e che non si tratti di una bolletta.

Qualche giorno fa ne è arrivata appunto una, da parte di Basilico, l’ex cuciniere del ristorante; ed era indirizzata proprio a me! Ho aperto la busta poco prima del servizio serale, insieme a Marcello e al ragazzo di cucina. “Caro Pastella – c’era scritto – ho saputo che sei il nuovo chef dello Spazio Bianco, congratulazioni! Mi dispiace di essere dovuto partire in tutta fretta e di non aver potuto conoscerti. Credo anche di aver dimenticato lì al ristorante alcuni libri – soprattutto ricettari. Dovrebbero essere nell’armadietto nello spogliatoio, credi che potresti spedirmeli?” e c’era poi l’indirizzo del suo nuovo ristorante in Francia. – Quindi è lì che è andato! – ha detto il ragazzo, prima di tornare a pelare carote.

Io invece ho acceso i fuochi, spadellato, mantecato, affettato e ripulito, e dopo qualche ora sono finalmente riuscito a prendere uno scatolone e scendere nello spogliatoio. I libri erano lì da mesi, ma io non li avevo toccati, perché non si sa mai: un vecchio cuciniere potrebbe tornare da un momento all’altro… in ogni caso, erano quasi tutti libri di cucina raffinata, che di sicuro non fa per me. Io sono per le cose semplici e buone, non per i licheni e le alghette che vanno di moda adesso… anche se fra i libri di ricette “new nordic” ce n’era uno che ha attirato la mia attenzione.
Beowulf, di Santiago García e David Rubín… non sembrano proprio nomi da vichinghi! –
Trovare dei fumetti, allo Spazio Bianco, non è poi così difficile: anzi, si infilano in ogni fessura e scacciarli poi è complicato. Ma questo mi è sembrato particolare sin dall’inizio: due spagnoli che raccontano un’antica storia anglosassone ambientata in Danimarca… e, non so se perché gli spagnoli hanno un temperamento simile a quello degli eroi o dei mostri dell’epoca, l’esperimento mi è sembrato riuscito. Tanto che ho continuato a leggere tutta la notte, fino a quando ho rinunciato a tornare a casa e mi sono sistemato sul divanetto all’ingresso che sarebbe riservato ai clienti in attesa di un tavolo. Quando mi sono svegliato, avevo un certo appetito, e prima di passare alle Poste a spedire il pacco del cuciniere Basilico, ho messo le mani in pasta e mi sono preparato uno spuntino da vero danese.

Smørrebrød secondo Pastella

Smørrebrød alla Beowulf, secondo Pastella

Ingredienti per 12 smørrebrød assortiti

– 6 fette di pane di segale o di altri cereali integrali
– 125 gr di burro
– 4 fette di salmone affumicato
– 100 gr di pasta di salame o di salsiccia cruda
– 1 mela o 1 prugna
– 50 gr di mozzarella
– 2 pomodori
– senape in grani
– aneto, erba cipollina, timo e rosmarino freschi o essiccati
– cannella in polvere
– basilico fresco
– olio extravergine
– sale e pepe

Per preparare qualsiasi smørrebrød, gli ingredienti fondamentali sono il pane nero e la crema di burro. La prima cosa da fare è quindi lasciare il burro fuori dal frigo: quando si sarà ben ammorbidito, montatelo con un frustino fino a quando avrà la consistenza di una crema morbida e ariosa. Dividetelo quindi in parti uguali, in tre ciotole: nella prima mescolate con un pizzico di erba cipollina, nella seconda con un po’ di timo e rosmarino secondo i vostri gusti. Nella terza ciotola conservate la crema di burro bianca.

Tagliate le fette di pane di segale in due triangoli ciascuna.

Per preparare gli smørrebrød con il salmone, spalmate quattro fette di pane triangolari con la crema al burro ed erba cipollina: disponete su ciascuna una fetta di salmone affumicato e un rametto di aneto.

Per preparare gli smørrebrød con la pasta di salame, spalmate quattro fette di pane triangolari con la crema al burro con timo e rosmarino. Preparate un emulsione alla senape, mescolando un cucchiaio di senape in grani in una ciotolina d’olio; lasciate riposare in frigo per qualche minuto perché l’olio si insaporisca uniformemente. Nel frattempo, mescolate la pasta di salame con un filo d’olio extravergine; tagliate la mela o la prugna a dadini di circa mezzo centimetro, quindi mescolate con sale, pepe e un pizzico di cannella. Disponete sulle fette di pane e burro la pasta di salame, i dadini di mela o prugna alla cannella e infine l’emulsione alla senape.

Per preparare gli smørrebrød all’italiana, spalmate le fette di pane triangolari con la crema di burro bianca. Tagliate i pomodori e la mozzarella a fette sottili, da sistemare sul pane insieme a qualche foglia di basilico. Se non pensate di mangiare subito gli smørrebrød, prima di disporre la mozzarella sul pane fatela asciugare su un panno o su carta da cucina assorbente.

Per saperne di più… Beowulf

Beowulf è il protagonista di uno dei più antichi poemi anglosassoni conosciuti, conservato in un manoscritto risalente circa all’anno 1000. È anche il titolo del fumetto disegnato da David Rubín su testi di Santiago García: in entrambi i casi, il poema è ambientato in un piccolo regno danese vittima degli attacchi del mostro Grendel e di sua madre.

Smørrebrød alla Beowulf, secondo Pastella

Da leggere

Santiago García e David Rubín, Beowulf, Tunué, Latina 2015;
Beowulf, con testo originale a fronte, Einaudi, Torino 2005;
J.R.R. Tolkien, Beowulf (traduzione e commento), Bompiani, Milano 2014.

La parola ai lettori

Sperando che questo spazio sia stato di vostro gradimento, vi diamo appuntamento a tra un mese circa, sempre di sabato.
Se volete richiedere qualche consiglio culinario, in caso abbiate come ospiti i Vendicatori o magari Arcibaldo e Petronilla, o se ancora meglio volete proporre le vostre ricette a tema fumettistico, scrivete al nostro Pastella: l’indirizzo è ricettedichina@lospaziobianco.it.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

   

Inizio