Parliamo di:

Saint young men di Hikaru Nakamura – Gesù e Buddha in versione Desperate Housewives

Saint young men di Hikaru Nakamura è una nuova proposta manga di J-Pop: cosa succederebbe se le due divinità simbolo delle religioni più diffuse al mondo si prendessero una vacanza...
Articolo aggiornato il 22/09/2017

Saint young men di Hikaru Nakamura – Gesù e Buddha in versione Desperate HousewivesSaint young men di Hikaru Nakamura, presentato in Italia da , si propone come una piacevole alternativa rispetto ai consueti manga mainstream.

Non solo per lo spirito anticonformista del fumetto, ma soprattutto per il retrogusto nerd che traspare da ogni pagina, tra le quali tra una citazione a Death Note, l’idolatria verso Osamu Tezuka, la passione per il mondo di Internet e l’immancabile pomeriggio al parco giochi, si rivivono alcuni dei canoni ormai saldi della cultura Otaku.
La storia si rifà, per certi versi, al simpatico siparietto che il regista Tom Shadyac dirige nel dialogo tra uno stressato Jim Carrey e Dio in persona (Morgan Freeman) sulla possibilità o meno per quest’ultimo di prendersi una sospirata vacanza.

Bruce (Jim Carrey): “Ma dove vai?”
Dio (Morgan Freeman): “Eh.. mi prendo una vacanza.”
Bruce: “Dio non si prende vacanze. Se ne prende? Voi? Egli?”
Dio: “Mai sentito parlare del Medioevo?” 

Saint young men di Hikaru Nakamura – Gesù e Buddha in versione Desperate HousewivesÈ proprio questa la situazione che ci troviamo di fronte nelle primissime battute del manga: Gesù e Buddha che convivono in un appartamento di Tokyo preso in affitto durante le loro meritate ferie. Premessa esilarante e sapientemente condita da ingredienti altamente validi e appetitosi.
In effetti, dopo pochissimi istanti, si capisce come la traiettoria tracciata da Hikaru Nakamura, sia quella di utilizzare tutti i riferimenti delle due religioni coinvolte, Cristianesimo e Buddhismo, per renderle oggetto di gag, situazioni, doppi sensi e giochi di parole più o meno velati, dove un occhio disincantato potrebbero scorgere anche vere e proprie denunce sociali.
Questa strana coppia quindi promette, e il più delle volte mantiene, delle grasse e sane risate.

Gesù viene descritto come un fricchettone spensierato, che spende gran parte del proprio budget (compreso quello in comune con il suo coinquilino) per acquisti che esulano dal necessario, prediligendo abiti costosi della cultura giapponese antica o kit per la lavorazione della ceramica, che tiene un blog al quale si dedica tutte le sere, e che si pavoneggia della sua presunta somiglianza con Johnny Depp che fa colpo sulle liceali giapponesi. 

Saint young men di Hikaru Nakamura – Gesù e Buddha in versione Desperate Housewives

Gli si contrappone un Buddha estremamente razionale che, pur non condividendo le spese folli del proprio amico, chiude costantemente un occhio per il quieto vivere. Sempre fissato con il doloroso fastidio che gli provoca l’Ajna (sesto chakra) sulla fronte, tende ad illuminarsi come una lampada quando i suoi pensieri si affollano su concetti virtuosi o a cadere in un trans ascetico per concentrarsi. 
Grande estimatore di Osamu Tezuka (autore guarda caso di una serie dedicata a Buddha), sogna un giorno di pubblicare un manga incentrato sulle piccole avventure giornaliere di una divinità, proprio come il venerato “maestro”.

Saint young men di Hikaru Nakamura – Gesù e Buddha in versione Desperate Housewives

Tra una risata e l’altra, leggendo questo primo volume si avverte tuttavia un calo di ritmo nella fase centrale, con una trama ancora piuttosto fumosa e dai contorni incerti. La speranza è che le prossime uscite possano riservare delle gradite sorprese, oltre ai soliti teatrini dei due teneri giovinastri, allargando così il respiro delle vicende narrate.

Chiude il cerchio un comparto artistico privo di particolari virtuosismi grafici o estremizzazioni che ne identifichino il tratto, ma che non abbandona l’attenzione ai particolari, prediligendo tuttavia un contesto molto più semplicistico per la maggior parte delle tavole, sacrificando qualche sfondo per concentrarsi su di una narrazione  chiara e  leggibile.

Abbiamo parlato di:
Saint young men #1
Hikaru Nakamura
Traduzione di Giovanni Lapis
J-POP, Novembre 2013
136 pag, brossurato, bianco e nero – 5,90€
ISBN: 9788866348146

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio