L’enigma di Mysterio, Disney e New Mutants

L’enigma di Mysterio, Disney e New Mutants
In questa puntata della nostra rubrica settimanale su quello che si muove dietro il mondo dei cinecomics e dell'animazione: un'analisi del trailer e della campagna promozionale di Spider-Man: Far From Home, la strategia della Disney su New Mutants e altre notizie.

Attenzione, il seguente articolo potrebbe contenere spoiler su Avengers: Endgame

Con la diffusione, nei giorni scorsi, del nuovo trailer di Spider-Man: Far From Home, Sony e hanno iniziato la fase finale della campagna promozionale della pellicola, che ha già fornito ai fan e al pubblico numerose domande.
Il filmato ha infatti introdotto il concetto di Multiverso, in quella che sembra (apparentemente) una conseguenza dei fatti narrati in Avengers: Endgame, e presentato Mysterio () non solo come un alleato dell’arrampicamuri, ma anche come proveniente da una Terra alternativa. Aldilà di questi due elementi, la domanda vera che sorge alla visione del trailer è: ci troviamo di fronte alla verità o a una perfetta messa in scena?

Nel 2012, i Marvel Studios orchestrarono una campagna promozionale per Iron Man 3 praticamente incentrata sulla figura del Mandarino (Ben Kingsley), tesa a presentarci il personaggio in tutto e per tutto uguale al villain dei fumetti, salvo poi scoprire nel film che questi altro non era che una copertura per il vero nemico di Tony Stark nel film. A suggellare questa geniale campagna marketing vi furono non solo i trailer, ma anche una serie di interviste allo stesso Kingsley in cui l’attore parlava della sua preparazione al ruolo e della caratterizzazione del supercriminale, facendo credere ai fan che il Mandarino che avremmo visto sullo schermo sarebbe stato un villain letale e affascinante.

mysteriospidey-1-e1557497535588_Nuvole di celluloide
Spider-Man e Mysterio. La campagna marketing si sta concentrando sull’inedita alleanza tra l’eroe e il villan. Ma sarà davvero così o si tratta di una illusione promozionale?

Con Spider-Man: Far From Home potremmo trovarci di fronte a una strategia alquanto simile ma differente negli obiettivi finali. È possibile che Mysterio sia davvero un bravo ragazzo, e che provenga da una dimensione alternativa? Il supercriminale, nelle pagine a fumetti, si è sempre contraddistinto per essere un villain capace di creare elaborati schemi al fine di commettere il crimine perfetto, usando le illusioni e gli effetti speciali. È possibile che i Marvel Studios stiano anch’essi creando una perfetta illusione, forse più diretta al pubblico generalista che i fumetti non li legge piuttosto che ai “veri credenti” delle fumetterie, per poi sorprenderli a metà pellicola.

Se così non fosse, saremmo però di fronte a una profonda storpiatura nei confronti del materiale originale, e soprattutto di un personaggio, Mysterio, che meriterebbe davvero di essere tradotto appieno sul grande schermo con tutti i crismi e le caratteristiche che lo hanno reso, nel corso degli anni, uno dei villain più affascinanti della galleria di Spidey.
Un’altra caratteristica del nuovo trailer che va sottolineata è quella inerente la tematica del lutto. La morte di Tony Stark è infatti l’argomento introduttivo del filmato, ed è molto probabile che nella pellicola avrà un ruolo rilevante nella caratterizzazione di Peter Parker (), soprattutto per il fatto che, finora, lo Zio Ben in questa nuova versione cinematografica pare totalmente assente, fornendo a Stark quel ritratto da mentore post-mortem di cui il protagonista ha in qualche modo bisogno.

Disney e

Con l’annuncio ufficiale inerente lo spostamento della data di uscita di New Mutants, la Disney ha messo fine a mesi e mesi di speculazioni sulla pellicola diretta da , aprendo comunque un nuovo fronte di domande su questo franchise.
Innanzitutto, bisogna premettere che se la major ha rinviato l’uscita di qualche mese, lo ha fatto rimanendo nell’ottica di pensare questo prodotto come qualcosa da presentare nelle sale cinematografiche, smentendo così qualsiasi voce riguardante distribuzioni in streaming del film. Così facendo, i dirigenti dello studios hanno per la prima volta confermato che quello che hanno potuto vedere vale il rischio di affrontare il box office. Molto probabilmente, come già peraltro noto da mesi, New Mutants dovrà essere in parte rimaneggiato, ma la Disney con la sua decisione ha voluto dare il messaggio che la loro politica attuale non è volta solamente alla cancellazione di quello che c’era prima, ma anche al volere continuare sulla strada intrapresa in precedenza.

Restano da chiarire comunque alcune cose. Nel caso che New Mutants abbia successo al botteghino, la Disney sarebbe disposta a continuare il franchise con una trilogia? O questo film resterà invece un esperimento a sé, non più ripetibile? Inoltre, resta da vedere quali accorgimenti saranno fatti nel corso delle riprese aggiuntive che, molto probabilmente, si terranno in autunno, e se l’atmosfera voluta inizialmente Josh Boone, quella di un film di supereroi con venature horror, sarà mantenuta o meno.
Nei mesi scorsi erano infatti trapelate indiscrezioni circa la confusione narrativa e promozionale della Fox riguardante la pellicola, in bilico tra un film horror e una sorta di Young Adult supereroistico. Su questi elementi è probabile che risposte certe arriveranno con i nuovi trailer, a cui spetterà il compito di ridisegnare il target di riferimento di New Mutants.

New-Mutants-e1557497671716_Nuvole di celluloide

Beat Bugs

La MGM ha acquisito nei giorni scorsi i diritti cinematografici di Beat Bugs, la serie animata per bambini vincitrice di un Emmy Award. Creata da Josh Wakely, la serie, che è una co-produzione tra Canada ed Australia, va in onda in oltre 190 paesi su Netflix e segue le vite e le avventure di cinque insetti infantili che vivono in un giardino incolto.
Lo show utilizza una pletora di canzoni dei Beatles, eseguite da artisti moderni, le quali vengono inserite nella storia.
Wakely scriverà la sceneggiatura e produrrà la versione per il grande schermo attraverso la sua casa di produzione, Grace: A Storytelling Company .
La serie è andata in onda per due stagioni più uno speciale su Netflix, guadagnandosi diversi premi ed è stata nominata per nove Emmy.

beat-bugs_Nuvole di celluloide

Cinebrevi

Una nuova linea di cereali Kellogg’s ispirata al film Toy Story 4 ha invaso gli scaffali dei negozi negli Stati Uniti, nei giorni scorsi.
Denominati Carnival Berry, questi cereali a forma di Cheerios hanno un sapore molto simile a quello dei Berry Fruit Loops e sono disponibili presso vari rivenditori di generi alimentari in tutto il paese. Le scatole di cereali sono disponibili in due varianti, un design blu con Buzz Lightyear e un design rosso con il personaggio di Woody.

toystorykellogg-e1557497737656_Nuvole di celluloide

Michael Cerda è stato nominato Vice-presidente del settore Prodotto di Disney+, il servizio di streaming della Walt Disney Company che verrà lanciato a novembre. Cerda assumerà la nuova posizione questo mese, e sarà responsabile di guidare l’esperienza del consumatore su dispositivi mobili e connessi alla TV.
Di recente, Cerda ha realizzato prodotti e design per Marcus, una banca gestita da Goldman Sachs, ed è stato amministratore delegato presso la banca di investimenti e società di servizi finanziari con sede a New York dal 2017.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su