Il nostro meglio: l’importanza di ricordare

Il nostro meglio: l’importanza di ricordare
Thi Bui, autrice di origine vietnamita, mette su carta le memorie della sua famiglia tra pesanti eredità storiche, preoccupazioni per il futuro e un inevitabile coinvolgimento emozionale.

Il nostro meglio, opera pubblicata in Italia da , è il fumetto di debutto di Thi Bui, autrice nata in Vietnam e cresciuta in America.

Il nostro meglio: l'importanza di ricordareIl volume racconta di come Thi, affacciandosi alla maternità, capisca di essere sempre stata intimorita dai sui genitori e in qualche modo distante da loro, di aver vissuto un rapporto freddo e poco affettuoso. Volendo evitare che si ripeta lo stesso con suo figlio decide di esplorare le vicende della sua famiglia, facendosele raccontare da Bo e Mà, ovvero suo padre e sua madre.
I ricordi dei genitori fanno riferimento a una parte della storia del Vietnam, quella più drammatica, quando le loro vite tranquille vennero sconvolte prima dalla guerra e dopo dalla dittatura comunista, fino all’inevitabile scelta di fuggire dal paese.

Molti temi di attualità e enorme rilevanza affiorano dalla lettura del volume.
Innanzitutto l’importanza del nucleo familiare e la necessità di sentirsi parte di esso, fattore che comporta una riscoperta del valore della comunicazione fra persone che sembravano distanti anni luce nonostante vivessero nella stessa casa.
Strettamente connesso a questo, il tema del peso della Storia e del contesto in cui si vive e come questi influiscano in modo consistente nel plasmare il carattere, gli ideali e i pensieri di un individuo, in una visione Naturalista alla Émile Zola.

Ancora il tema dell’immigrazione, evento talvolta obbligato per la propria sopravvivenza e quella di chi ci è più vicino. I genitori di Thi sono stati costretti a fuggire dal Vietnam del Sud insieme a tutti i figli dopo il ritiro dell’esercito statunitense, la vittoria dei comunisti nordvietnamiti e la caduta di Saigon, per intraprendere un viaggio di fortuna che li ha portati sulle coste della Malesia, da cui sono poi riusciti ad organizzare la partenza per gli Stati Uniti d’America.

Il nostro meglio: l'importanza di ricordareLa protagonista, allora troppo piccola per comprendere quell’esperienza e per sentire un senso di appartenenza per il suo paese e oggi incapace di sentirsi veramente e pienamente americana, si ritrova sradicata e senza un’identità. E’ proprio la paura che suo figlio possa vivere lo stesso smarrimento che la porta in questo percorso a ritroso nella vita dei suoi cari.
Tutti queste tematiche sono comunque collegate con la necessità di ricordare, sia per non commettere nuovamente gli sbagli già compiuti, sia per trasmettere alle future generazioni il compito di preservare la memoria.

I disegni denotano una buona tecnica , sebbene sia l’esordio dell’autrice nel mondo del fumetto.
Il tratto è essenziale e pulito ed enfatizza i dettagli solo quando è indispensabile, disegnando con pochissime linee volti, figure umane e paesaggi: il raggiungimento di un così alto grado di sintesi grafica alla prima prova dimostra la resa degli studi di Thi alla scuola d’arte. Tra le influenze più evidenti, poi, si può rintracciare quella della pittura cinese, grazie all’utilizzo di pennelli neri e acquerelli grigi sfumati.

I colori svolgono un ruolo preminente nelle tavole: oltre al contrasto tra bianco e nero, che fa risaltare i momenti di particolare tensione emotiva, è l’arancione, unico altro colore presente, ad assumere una funzione narrativa, per esempio mischiandosi con il nero del mare o con il bianco del cielo per dare un tocco di caratterizzazione maggiore all’ambiente, o manifestandosi con un senso oppressivo sui personaggi oppure riempendo verticalmente tutta la pagina a formare la mappa del Vietnam.

Il nostro meglio si presenta quindi come un lavoro compatto e coeso, frutto di impegno e responsabilità sociale, che arriva nel momento giusto nel mondo e in Italia anche per sensibilizzare su questioni delicate e attuali.

Abbiamo parlato di:
Il nostro meglio
Thi Bui
Traduzione di Veronica Raimo
Oscar Ink, 2018
336 pagine, cartonato, colori – 26,00 €
ISBN: 9788804684558

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio