“Fidanzato Vampiro”: storia di un amore disfunzionale

Già pubblicato in e-book da Wannaboo e bestseller su Amazon e iTunes, "Fidanzato Vampiro" di Tiziana De Piero debutta su carta grazie a Shockdom.

"Fidanzato Vampiro": storia di un amore disfunzionaleQuando si nomina Fidanzato Vampiro, fumetto della giovane e talentuosa Tiziana De Piero, il secondo titolo che inevitabilmente salta fuori è quello di un’altra love story fra un “succhiasangue” e un’umana: Twilight. Eppure (per fortuna!), questo fumetto non ha nulla da spartire con la celebre saga della Meyer. Né con qualunque altra storia di vampiri, a dirla tutta.

Protagonisti indiscussi del genere horror sia su carta che su pellicola, i vampiri godono di una vastissima popolarità: dai libri ai film, le opere di fantasia che li celebrano sono innumerevoli. Negli ultimi anni, complici – appunto – letture come Twilight, l’immaginario collettivo legato a questi letali predatori notturni ha subito una netta trasformazione che ha codificato nuovi cliché narrativi. Stereotipi vecchi e nuovi che, dopo essere stati a lungo abusati, spesso diventano oggetto di parodia. Fidanzato Vampiro affronta la materia con un approccio comico, ironico e originale al punto giusto.

Analizziamo prima di tutto i due protagonisti del fumetto: Vladimiro il vampiro, un emaciato e pallido intellettuale di ben 200 anni, e Nina, spigliata ventenne dei giorni nostri. Se la marcata differenza d’età costituisce un ostacolo già nelle coppie “normali”, in questo caso il problema assume proporzioni impossibili da ignorare.

"Fidanzato Vampiro": storia di un amore disfunzionaleVladimiro, infatti, è un tipico uomo ottocentesco: pomposo, saccente e antiquato, è pienamente convinto della decadenza del secolo attuale e non ha alcuna intenzione di adeguarsi ad esso. Per di più la sua indole timida, nevrotica e pavida lo rende costantemente un pesce fuor d’acqua.
Nina, dal canto suo, è una giovane donna vivace, prorompente e molto sensuale. La ragazza frequenta l’università (anche se con scarso profitto), ha un lavoro, delle amicizie e ama la vita mondana. L’esatto opposto di Vladimiro, insomma, che non è assolutamente in grado di rapportarsi con una donna indipendente e sicura di sé.

"Fidanzato Vampiro": storia di un amore disfunzionaleTuttavia, il vero punto dolente della coppia è un altro: il sesso. Perché Nina, al contrario delle pudiche fanciulle che popolano i romanzetti rosa o delle melense ragazzine che si struggono in attesa dell’uomo dei loro sogni, ha tutti i sani appetiti di una giovane della sua età. Ma Vladimiro, oltre ad essere impacciato con le donne, è ostacolato da un limite fisico invalicabile: essendo praticamente morto non prova alcuna attrazione fisica e, soprattutto, non ha sangue nelle vene; se anche avesse voglia di fare sesso, gli sarebbe comunque impossibile farlo.
Questa è solo una delle felici intuizioni dell’autrice, la quale si prende gioco delle focose relazioni fra umani e vampiri che spopolano nella letteratura attuale.

Il ribaltamento dei ruoli è un altro elemento divertente e riuscito di Fidanzato Vampiro. Se Nina non è la tipica protagonista delle love story stile Twilight, Vladimiro non ha alcun pregio tra quelli solitamente attribuiti agli immortali: non ha lo charme di Dracula; non è un belloccio come Edward Cullen; non è “bello e dannato” come Tom Cruise e Brad Pitt di Intervista col vampiro. Ulteriore beffa, non è nemmeno lo spregiudicato e feroce predatore delle moderne serie tv (anzi, combatte la propria natura trovando vergognosa e degradante la caccia di sangue umano, risultando però abbastanza patetico). Un duro colpo per la povera Nina, cresciuta divorando romanzi come «Glitter Vampiri», «Vampiri Teenagers Rubacuori» e «Harmoni Nosferatu».

Sebbene all’inizio il racconto di Tiziana De Piero sembri soffermarsi unicamente sull’aspetto comico-parodistico di una storia d’amore fra un vampiro e un’umana, esso tende quasi subito verso una maggiore “serietà” che contempla anche le sfaccettature più profonde di questo improbabile legame. Barcamenandosi tra difficoltà, incomprensioni e litigi vari, cercando di venirsi incontro pur rimanendo sulle proprie posizioni, i protagonisti acquisiscono una nuova profondità.

Serio e faceto sono amalgamati con naturalezza, e si alternano mantenendo un giusto equilibrio. Fidanzato Vampiro presenta, inoltre, alcune intuizioni azzeccate, come ad esempio il gruppo di supporto cui si rivolge Nina chiamato “relazioni con uomini mostruosi”, composto da Rita, Azzurra e Jessica (fidanzate rispettivamente con il mostro di Frankenstein, un lu"Fidanzato Vampiro": storia di un amore disfunzionalepo mannaro e il mostro della palude). Infine, un punto forte del fumetto è la giocosa autoironia con cui la storia guarda a se stessa, dote imprescindibile per una serie umoristica di qualità.

Anche i disegni denotano un miglioramento costante. Superate alcune incertezze iniziali, l’autrice acquisisce uno stile personale e definito. Il tratto è pulito e dotato di una certa eleganza. Unica critica, forse, la “rigidità” di alcuni sfondi che risalta a confronto dell’estrema espressività dei personaggi. Tuttavia, come afferma il fumettista Giuliano Piccininno (grande esperto di vampiri, tra le altre cose) nell’introduzione al volume, la De Piero non ha mai trascurato elementi fondamentali del disegno come la prospettiva; cosa assai rara, per una disegnatrice non professionista. Non a caso, nel 2013, Fidanzato Vampiro ha vinto il concorso per esordienti “Vampiri a Fumetti”.
Le tavole non seguono una composizione tradizionale: la suddivisione in vignette, che sono di numero e dimensioni variabili, è piuttosto elastica e si adatta a seconda del contenuto dei riquadri. Il racconto è composto da episodi (o capitoli) dapprima piuttosto brevi, poi sempre più lunghi, arrivando a un massimo di 24 pagine.

"Fidanzato Vampiro": storia di un amore disfunzionale

In conclusione, Fidanzato Vampiro è un fumetto originale, divertente, scorrevole e soprattutto dotato di una marcata identità. Il finale, che lascia presagire un ulteriore sviluppo della trama, sembra confermare Tiziana De Piero come un’autrice in pieno sviluppo, capace e promettente.
Un valido acquisto per la , realtà editoriale in continua crescita che costituisce il punto di riferimento per i webcomics nel nostro paese.

Abbiamo parlato di:
Fidanzato Vampiro
Tiziana De Piero
Shockdom, maggio 2015
128 pagine, brossurato, bianco e nero – 10,00 €
ISBN: 9788896275641

2 Commenti

2 Comments

  1. Patfumetto

    1 giugno 2015 a 10:57

    Concordo al 100%. Autrice in constante miglioramento e storia che riesce a inserire diversi elementi di novità (nonostante il tema). Leggo il fumetto su tablet, anche se l’esperienza non è ottimale, e sono contenta che abbia raggiunto la pubblicazione su carta, che valorizzerà al meglio il disegno.

    • la redazione

      la redazione

      4 giugno 2015 a 15:18

      Sicuramente De Piero sarà contenta di questi complimenti, quando arrivano da una collega affermata crediamo facciano ancora più piacere.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio