Home > Rubriche > Nuvole di celluloide > Il presente di Agent Carter e la sfida di Suicide Squad
Uno sguardo sul vasto panorama delle produzioni cinematografiche basate sui nostri amati fumetti, cercando di puntare l'attenzione su qualità e approfondimento. A cura di Carlo Coratelli. Seguite www.facebook.com/NuvoleDiCelluloide.

Il presente di Agent Carter e la sfida di Suicide Squad

Tempo di lettura:

oltre 9 minuti

Agent Carter

E’ iniziata nei giorni scorsi negli USA, sulla rete ABC, la nuova stagione di Agent Carter che vede il personaggio interpretato da affrontare nuove sfide e nuove situazioni. Intervistata nei giorni scorsi dal sito ufficiale della Marvel, l’attrice inglese ha parlato della “rinnovata” Peggy che ritroveremo in queste nuove avventure.

Penso che lei sia in un posto molto diverso emotivamente perché ha lasciato andare il dolore che aveva su Capitan America. Così il suo cuore è un po’ più aperto alla possibilità di una storia d’amore e così si ritrova in un triangolo amoroso. E c’è l’aspetto visivo per il fatto che è girato a Los Angeles. Tutto è molto più leggero, così i suoi vestiti sono leggermente diversi, i suoi capelli sono un po’ più lunghi. Ha abbracciato il glamour di Hollywood, un po’, e penso che questo la colpisca anche emotivamente.
Lei ha attraversato un periodo faticoso nel cercare di trovare il suo ruolo nel SSR, combattendo in modo molto sottile il sessismo che ha trovato in questa organizzazione prettamente maschile. Alla fine, non ha significa necessariamente avere il rispetto di tutti. Jack  Ma, come lei stessa dice, conosce il suo valore in modo che lei non ha bisogno di essere lodata. Penso che la prima stagione non fosse  tanto sul fatto che lei fosse in grado di stabilire se stessa verso gli altri in maniera paritaria, ma di usare se stessa come fonte di forza per il suo proprio valore. A questo proposito, lei è molto più sicura. Sta uscendo allo scoperto in questo nuovo mondo di Hollywood, ha incontrato all’aeroporto Jarvis, il suo caro amico, e può imbarcarsi in qualcosa di un po’ più leggero … ma ovviamente, data la natura di questo genere, capiterà qualcosa di oscuro molto rapidamente.

Interpellata su quali saranno le nuove sfide che Peggy dovrà affrontare, la Atwell ha sottolineato innanzitutto che per Peggy la novità sarò proprio la nuova location in cui agire e i personaggi che incontrerà, prima tra tutte Whitney Frost.

Non ha mai incontrato una persona famosa prima, quindi credo che lei sia rimasta colpita. Ho quasi la sensazione che per Peggy, Whitney Frost sia l’altra faccia della stessa medaglia in cui è molto luminosa, ha molto successo nel proprio campo, ma ha anche, probabilmente, dovuto superare una enorme quantità di ostacoli per arrivare dove si trova ed è ambiziosa a modo suo. Questo è qualcosa a cui Peggy può relazionarsi. Il fatto che Whitney abbia percorso una strada diversa abusando del suo potere, una strada che è in realtà molto più oscura, ma sostanzialmente parallela alle cose che Peggy ha attraversato e che hanno formato il suo carattere, penso che sia qualcosa di molto intrigante per Peggy e probabilmente abbastanza rinfrescante il fatto di avere un’altra donna potente intorno. Va bene, lei potrebbe essere una nemesi, ma allo stesso tempo, penso che ci sia un rispetto assoluto per la mente di Whitney, e la sua ambizione e quello che ha dovuto superare per ottenere il successo che ha avuto nel mondo del cinema.

Per quanto riguarda invece l’evoluzione della relazione con altri personaggi già noti, la Atwell ha avuto modo di parlare del rapporto tra Howard Stark (Dominic Cooper) e Peggy.

Penso che ci sia un nuovo livello di comfort tra Stark e Peggy causa di ciò che hanno attraversato nella prima stagione [con il suo tradimento], e si rende conto di quanto siano fragili come esseri umani sono. A causa di ciò, sono entrambi su di un livello uniforme. Lei lo rispetta enormemente, ma non ha paura di commentare le sue scelte di vita e di come disgustosamente lo trovi misogino.
Penso che il rapporto tra Howard e Peggy sia così. Lui ha questo tipo comportamento da farfallone, e lo fa usando le donne come una forma di evasione per lui e per i suoi modi dionisiaci, ma quando si tratta di Peggy, lui non la vede come una tipa con grandi tette e labbra rosse. Lui la vede come qualcuno con cui può effettivamente avere una vera e propria conversazione. Sono molto fortunata   perché ho a fianco Dominic Cooper e James D’Arcy, che conosco da tanto tempo, e quindi c’è una facilità reale quando lavoriamo insieme e possiamo esplorare quei luoghi perché ci conosciamo. Sappiamo come spingere l’un l’altro i tasti e sappiamo come farci ridere l’uno con l’altro, e questo contribuisce a creare un rapporto tra i personaggi.

Con l’uscita del nuovo trailer è partita ufficialmente la campagna promozionale collegata al film diretto da , uno tra i più attesi di quest’anno. Una interessante analisi del sempre accurato Scott Mendelson, apparsa nei giorni scorsi su Forbes, ha sottolineato la grande importanza assunta nel trailer dal personaggio di Harley Quinn () su cui la Warner Bros. pare puntare come magnete per il pubblico nei prossimi mesi che separano il film dallo sbarco nelle sale cinematografiche.

E’ sporco, è violento, sembra completamente diverso da qualsiasi altro tradizionale film sui fumetti di supereroi che abbiamo visto fino a questo punto, e “Bohemian Rhapsody” è una scelta maeldettamente buona per l’accompagnamento musicale. Sì certo, non è il primo film moderno sui fumetti a giocare questa carta (“Hooked On A Feeling” per il trailer di Guardiani della galassia), ma funziona lo stesso. Come già detto prima, la carta vincente qui rimane la Harley Quinn di Margot Robbie.
Non solo è il più popolare personaggio femminile a fumetti sul pianeta, ma se il film un po’ ruoterà intorno a lei accidentalmente finirà per essere il primo film sui supereroi al femminile nell’era moderna post-Iron Man.

Il presente di Agent Carter e la sfida di Suicide Squad - robbieharley-e1453455391285

Mendelson ha comunque evidenziato quello che potrebbe essere un problema per la pellicola, ovvero uscire in un periodo in cui il box office americano sarà occupato da numerose e importanti pellicole in poche settimane, che rischiano di schiacciare Suicide Squad, anche se il film ha certamente le sue carte da giocare.

Non è una storia sulle origini, si tratta di personaggi che non abbiamo mai visto prima sullo schermo, e presenta più di un villain in contrapposizione l’uno contro l’altro rispetto ad una più convenzionale avventura di supereroi. Il 2016 sta per diventare un anno interessante al botteghino per una manciata di motivi… potrebbe essere l’anno in cui scopriremo se i film di fumetti possono realmente prosperare uno contro l’altro in modo esplicito come film di genere a cui capita di avere una origine fumettistica.

Marvel’s Jessica Jones

Con il rinnovo del serial targato Netflix per una seconda stagione, si apre per i creatori dello show la sfida di continuare a offrire al pubblico nuove storie con protagonista l’investigatrice dotata di superpoteri interpretata da Krysten Ritter. Nel corso del panel dedicato alla serie svoltosi nei giorni scorsi alla Television Critics Association, la creatrice e showrunner di Marvel’s jessica Jones ha avuto modo di parlare del futuro del serial, confermando allo stesso tempo di non avere ancora iniziato a lavorare sui nuovi episodi.
L’affermazione della Rosenberg significa che il tono, la trama e altri dettagli sulla stagione restano al momento in gran parte sconosciute. Unica cosa confermata è che la serie tv continuerà a utilizzare elementi dal materiale di base, ovvero la serie a fumetti  scritta da Brian Michael Bendis.

Cercherò di utilizzare il più possibile il materiale dai fumetti – ha detto la Rosenberg, anche se questo è nel contesto della Marvel Cinematic Universe in cui Jessica Jones agisce, ricordando che molte decisioni sono state prese esclusivamente per lo show.
Il MCU è molto diverso in termini di mitologia rispetto ai fumetti, probabilmente non saremo in grado di fare storie parallele a quello che accade nei film, ma prendo ogni piccolo pezzo che posso.

Parlando sull’eventualità che lo show possa accennare gli eventi che accadranno nel film Captain America: Civil War, la Rosenberg ha tiepidamente affermato di non sapere cosa succederà in quel film, o come sarà l’impatto sul serial, aggiungendo che l’unica cosa certa è che non vuole assolutamente deviare dalla rotta narrativa intrapresa, e che la serie continuerà a caratterizzare in maniera molto forte sullo sviluppo della protagonista.

Penso che voglio solo che sia del suo personaggio. E’ un personaggio molto danneggiata, e il danno va oltre Kilgrave. Ci sono un sacco di elementi da estrarre dalla sua storia passata da inserire nella sua situazione di ogni giorno.

Il presente di Agent Carter e la sfida di Suicide Squad - Marvels-Jessica-Jones-e1453454877491

Batman V Superman: Dawn of Justice

Warner Bros. Consumer Products (WBCP) e la Hendrick Motorsports hanno presentato nei giorni scorsi un accordo di partnership, che vedrà i piloti Dale Earnhardt Jr. e Jimmie Johnson, promuovere l’uscita dell’atteso film diretto da Zack Snyder attraverso due speciali vetture i cui colori ricorderanno al pubblico i personaggi di Batman e Superman. Batman sarà rappresentato su una 88 Nationwide Batman Chevrolet SS guidata da Earnhart, mentre Johnson sarà al volante di una Lowe Superman Chevrolet SS inuna sfida che si svolgerà il prossimo 20 marzo a Fontana, California.

Hendrick Motorsports è la squadra definitiva nelle corse automobilistiche, con i piloti più talentuosi del campionato e una comprovata esperienza di successo, e siamo entusiasti di continuare a lavorare con loro per costruire questa innovazione che collega i propri piloti con i più noti supereroi del mondo – ha detto Dave Hedrick, Vice Presidente Senior di Warner Bros. Consumer Products – I fan di Dale Earnhardt Jr. e Jimmie Johnson ameranno vedere i loro eroi affrontarsi attraverso i leggendari personaggi della DC di ‘Batman V Superman: Dawn of Justice’.

Come parte del loro coinvolgimento con il film, l’etichetta Nationwide, da anni partner di Hendrick Motorsport offrirà a un fortunato fan l’opportunità di assistere alla premiere del film. Il pacchetto premio include volo, alloggio, due biglietti per la gara, un incontro con Earnhardt, due biglietti per la premiere e il red carpet e molto altro ancora. I fan possono visitare NationwideBatman88.com per partecipare al concorso.

Nationwide è entusiasta di unire le forze con Dale Earnhardt Jr. e Batman, due figure iconiche, per creare questo incredibile duo – ha dichiarato Mike Boyd,  vice presidente senior del settore marketing di Nationwide – Non vediamo l’ora di vedere la nostra n. 88 lanciarsi in pista e sono sicuro che sarà un grande divertimento per milioni di appassionati della corsa e fan di Batman allo stesso tempo.

Il presente di Agent Carter e la sfida di Suicide Squad - 160119-HendrickMotorsports-e1453454927448

Anomalisa

Recentemente candidato all’Oscar nella categoria dei film di animazione, Anomalisa, il nuovo film di Charlie Kayfman e Duke Johnson realizzato interamente con l’ausilio della stop motion, è molto atteso anche nel nostro paese, dove uscirà il prossimo 25 febbraio, proprio pochi giorni prima degli Academy Awards.
Per supervisionare la fabbricazione dei vari pupazzetti usati nella pellicola, i registi hanno scelto una giovane della Scuola di Cinema del Wisconsin, Caroline Kastelic, che a Deadline ha avuto modo di spiegare quello che è stato un lavoro bellissimo ma complicato.
Il compito principale della Kastelic come supervisore era capire, in modo meticoloso, le esigenze sui pupazzetti scena per scena, l’assemblaggio finale dei burattini (capelli, guardaroba), oltre a negoziare con tutti i vari reparti della produzione per raggiungere gli obiettivi della giornata. Tutto questo tramite una squadra composta da 10 a 20 persone a seconda della fase di produzione, la cui sfida principale rimaneva quella di fornire ai personaggi movimenti i più umani possibili.

Questa è stata la parte più impegnativa, perché i burattini sono proporzionati come gli esseri umani, per cui è necessario piegargli nei posti giusti. Quando hai qualcosa che è stilizzato si può ottenere qualcosa di più perché nessuno sa che un personaggio come Coraline, che sembra un po’ astratto, potrebbe spostarsi. Ecco perché mi piace la stop-motion. E’ fatta a mano. Si dà a questo la vita. Inoltre, avendo una storia su ciò che significa essere un essere umano c’è una dichiarazione artistica sul modo in cui noi, come esseri umani, siamo le nostre creazioni.

Per la Kastelic Anomalisa potrebbe davvero rivoluzionare la percezione del pubblico nei confronti del settore dell’animazione, come mai prima d’ora.

Sono entusiasta perché penso che il film porterà forse a una nuova visione dell’animazione negli Stati Uniti, prendendola più seriamente come una forma d’arte. L’animazione per gli adulti è una cosa che in realtà non è stata davvero esplorata nel nostro paese.

Il presente di Agent Carter e la sfida di Suicide Squad - kastelicanomalisa

Caroline Kastelic sul set di “Anomalisa”

Lucifer

Intervistato nei giorni scorsi da TvLine, l’attore , protagonista di Lucifer, nuovo serial di Fox in onda tra poche ore negli USA e basato sul fumetto Vertigo, ha brevemente parlato del progetto e delle differenze con il materiale di origine.

Mentre ci sono degli elementi nelle relazioni prese dal materiale di origine, lo show è qualcosa a sé – ha detto l’attore – Sono sicuro che ci saranno alcune persone molto infelici a tale proposito. Ma se la gente lo guarda per quello che è, poi faranno presto a dimenticare.
La serie potrebbe essere identificata come un dramma poliziesco/procedurale, ma non è una descrizione del tutto esatta. Si tratta dell’esperienza di Lucifero nel conoscere l’umanità e la gente, l’interazione e le emozioni.
Egli ama divertirsi con la gente, per lui Los Angeles si rivela un mondo diverso. il personaggio più irredimibile inizia una storia di riscatto finale.

Il presente di Agent Carter e la sfida di Suicide Squad - lucifer_sc5_0057

Cinebrevi

La ha venduto nei giorni scorsi le serie animate rimasterizzate di Dragon Ball Z e Saint Seiya in America Latina. Corporacion Ecuatroiana de TV  ha acquistato la prima, mentre  Televisora Nicaraguense Canal 8 trasmetterà tutti i 114 episodi di Saint Seiya,

E tu, cosa ne pensi? (i commenti sono soggetti a moderazione)

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.
Lo Spazio Bianco Lo Spazio Bianco
×