Surrealismo (Giovanni Marchese, Giuseppe Latanza)

Surrealismo (Giovanni Marchese, Giuseppe Latanza)
L’arte che ha rivoluzionato l’arte: un tuffo nel Surrealismo, un movimento artistico dagli inaspettati risvolti filosofici, politici e psicanalitici.

copertinaSurrealismo1 è un fumetto scritto da Giovanni Marchese e disegnato da Giuseppe Latanza. Nonostante sulla copertina appaia chiara la scritta: biographic novel il volume non si presenta come il lettore potrebbe intuire notandolo in libreria.
La vicenda si apre in un futuro in cui intelligenze artificiali create appositamente permettono di manipolare in maniera significativa le percezioni delle persone.
Queste sofisticate tecnologie vengono utilizzate anche all’interno dei musei per consentire ai fruitori di immergersi completamente nell’ambiente e nel periodo rappresentati, dando modo così ai tre giovani protagonisti di conoscere personalmente grandi nomi del surrealismo, tra cui Ernst, Magritte e André Breton, cogliendo l’occasione per disquisire con loro.
I disegni tendono a essere imperfetti e poco dettagliati, in particolare nel tratteggio dei personaggi, che spesso hanno volti molto simili tra loro. Non è chiaro se sia voluto, lasciando ad esempio intuire che le tecnologie del museo non sono comunque in grado di riprodurre i tratti somatici. Negli sfondi traspare la voglia citazionista di immortalare temi e inconsistenze tipiche dell’arte surrealista, inoltre i colori saturi contribuiscono a rendere l’ambientazione credibile.
Surrealismo è un fumetto inaspettato, che butta una manciata di informazioni sul movimento artistico e sembra concentrarsi più sulle vicende dei protagonisti; inoltre la lettura è volte frammentata da balzi temporali (corrispondenti ai cambi di stanza nel museo): più un’avventura surreale che un fumetto sul surrealismo.

Abbiamo parlato di:
Surrealismo
, Giuseppe Latanza
Centauria, 2021
104 pagine, cartonato, a colori –19,90 €
ISBN: 9788869214530

81f2tSvx5aL



  1. Il surrealismo è un movimento artistico-letterario che si instaura in Europa nel periodo tra le due guerre mondiali a inizio del Novecento, si identifica come espressione della ricerca del sé attraverso una dimensione onirica e come tensione al sovvertimento delle convenzioni sociali. 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su