Nina che disagio (Ilaria Palleschi)

Nina che disagio (Ilaria Palleschi)
L’illustratrice Ilaria Palleschi realizza “Nina che disagio”, il suo esordio nel mondo del fumetto come autrice completa presso Bao Publishing. Una storia semplice che mette in evidenza la leggera eleganza del disegno.

page_1_thumb_large_BreVisioni

Nina che disagio, pubblicata da , è l’opera di esordio come fumettista dell’illustratrice Ilaria Palleschi,  qui in veste di autrice completa.  Il volume si  colloca in continuità con i tanti romanzi generazionali nel fumetto italiano: un trend nel segno dell’Ansia, del Disagio, dell’Asocialità. La protagonista Nina è una giovane disegnatrice affetta da varie idiosincrasie, la cui  timidezza le impedisce di trovarsi un lavoro o di stringere nuove relazioni.  La svolta narrativa viene dall’incontro con una strana “fata madrina”, una vecchietta che fa apparire il classico Doppelganger dotato di caratteristiche opposte alla protagonista. Il suo scopo sarebbe aiutarla ma, prevedibilmente, la gemella social e consumista si rivela una presenza ingombrante per la ragazza, fornendole altrettanto ovviamente lo stimolo ad  affrontare i propri problemi e progredire verso una maggiore maturità e sicurezza personale.
Gli elementi fantastici – che in Zerocalcare sono proiezioni psicologiche – qui entrano nella realtà della storia: si sacrifica l’approfondimento psicologico e sociale, in favore di un tono favolistico. Aiuta in questo il tratto dell’autrice, il punto di forza dell’opera: il segno infatti è morbido, elegante, con una sintesi personale efficace nelle pose e nelle espressioni dei personaggi, in un montaggio della pagina tradizionale, prevalentemente a tre strisce, ma interpretato con brio e vivacità. Insomma, una fiaba moderna sulla lunga tardo-adolescenza, che scorre veloce e godibile grazie al buon ritmo e alla piacevolezza visiva delle tavole.

Abbiamo parlato di:
Nina che disagio
Ilaria Palleschi
Bao Publishing, 2018
160 pagine, cartonato, a colori – 18,00 €
ISBN: 9788832731255

unnamed_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su