Nathan Never #333 – L’amore uccide (AA.VV.)

Nathan Never #333 – L’amore uccide (AA.VV.)
Mirko Perniola e Davide Rigamonti narrano le impreviste evoluzioni delle relazioni sentimentali di Nathan Never e della direttrice dell'Agenzia Alfa Elania Elmore in due episodi, disegnati da Paolo Di Clemente e Val Romeo, che non convincono fino in fondo.

Nathan_never_333-cover-400_BreVisioni Pubblicato poco dopo San Valentino, l’albo ospita due episodi accomunati dalla tematica amorosa, incentrati rispettivamente su ed Elania Elmore, direttrice dell’Agenzia Alfa. La prima storia, sceneggiata da Mirko Perniola per i disegni di Paolo Di Clemente, si muove tra passato e presente, narrando l’evoluzione di un rapporto amoroso e ricollegandola a un recente omicidio. La storia, tutta basata su pathos ed emotività, è un po’ penalizzata da un finale sostanzialmente prevedibile e dall’esiguità delle pagine a disposizione, che non permettono di sviluppare appieno la complessità dei personaggi.
L’episodio a seguire, sceneggiato da , racconta di alcuni misteri nei quali si trova coinvolta Elania Elmore. Anche in questo caso per buona parte viene mancata l’occasione di approfondire un personaggio non ancora sfruttato a sufficienza nella serie, per via di una certa schematicità nell’evolversi della trama che penalizza anche lo sviluppo di sottotrame potenzialmente interessanti. Ai disegni gradevole in particolare la prova di Val Romeo, realizzata in un periodo antecedente rispetto ai lavori più recenti pubblicati su Morgan Lost. Le sue tavole dimostrano una buona attitudine nel ritrarre l’espressività dei volti dei protagonisti, al quale si aggiunge una discreta attenzione nella scelta delle inquadrature e nella ricostruzione delle ambientazioni.
Un albo con notevoli potenzialità che però stentano a decollare.

Abbiamo parlato di:
Nathan Never #333 – L’amore uccide
Mirko Perniola, Davide Rigamonti, Paolo Di Clemente, Val Romeo
, febbraio 2019
96 pagine, brossurato, bianco e nero – 3,50 €
ISBN: 977112157304990333

NN-333_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su