L’arte come costruzione di un rapporto: “Sfera”

L’arte come costruzione di un rapporto: “Sfera”
BAO Publishing pubblica “Sfera”, il nuovo graphic novel di AlbHey Longo nel quale, grazie a uno strano superpotere, un ragazzo e una ragazza diventano amici.

Sfera_news_Recensioni Damiano è un ragazzo senza arte né parte che non sa bene cosa fare della sua vita, ma che si ritrova improvvisamente con un superpotere molto particolare: può creare dal nulla delle sfere solide di diverse dimensioni. Interrogandosi sull’uso che dovrebbe fare di questa abilità, incappa in una ragazza, Chiara, che sogna di lavorare professionalmente nel mondo dell’arte e insieme decidono che le sfere potrebbero aiutare a realizzare questo sogno.

Con Sfera, AlbHey Longo parte da un elemento fantastico per sviluppare una storia molto concreta, che parla di arte in senso ampio – i significati che possono assumere opere e installazioni, il lavoro degli artisti, l’esposizione mediatica – ma anche, e forse soprattutto, di amicizia.
Come l’autore spiega bene nell’intervista che abbiamo realizzato a Cartoomics 2019, il cuore del graphic novel risiede proprio in questo rapporto tra Damiano e Chiara, frutto della forza creativa insita nel concetto stesso di arte.

L’amicizia era il cardine anche dell’opera precedente dell’autore, La quarta variazione, ma mentre in quel caso il focus era su un gruppo più ampio e variegato di ragazzi, stavolta il fumettista si concentra su una relazione a due, peraltro tra persone di sesso opposto, riuscendo a far emergere tutta la complicità e l’alchimia, ma anche i contrasti, che possono nascere in un rapporto di questo tipo.

SFERA-p47_Recensioni Chiara e Damiano sono due personaggi costruiti molto bene: perfettamente calati nella contemporaneità, spontanei e vitali con un pizzico di incoscienza. I dialoghi sono il punto forte della loro caratterizzazione, uno dei canali privilegiati con cui l’autore riesce a portarli in scena e a farli sembrare così familiari ai lettori, specie a quelli di età vicina a quella dei protagonisti.
Le frasi che si scambiano e i discorsi che affrontano (sia tra di loro che verso altri individui) non appaiono mai come parole ingessate ma al contrario realistici e schietti, evitando il rischio di una resa artefatta.

Non tutto trova spiegazione alla fine della storia, ma come intuibile dalla struttura del libro e come confermato nella nostra intervista, si tratta di un meccanismo voluto e consapevole. Comprendere l’origine del potere di Damiano o la natura delle sfere, in fondo, non è così importante: anzi, rischierebbe addirittura di distogliere l’attenzione del lettore dagli elementi veramente importanti dell’opera, cioè i rapporti umani e le potenzialità dell’espressione artistica.

L’approccio è simile a quello operato nella serie TV The leftovers, dove fin da subito lo showrunner Damon Lindelof ha chiarito che non ci sarebbe stata una risposta chiara e univoca al mistero alla base dell’intreccio, perché il cuore della storia era da rintracciare nelle conseguenze di quell’evento iniziale sul mondo e sulle persone. AlbHey Longo sotto un certo punto di vista gestisce ancora meglio questo assunto, perché la sua penna si dedica con tale passione a raccontare la relazione amicale tra Chiara e Damiano da evitare per quasi tutto il tempo che il lettore sia interessato alle sfere e alla loro origine.

SFERA-p57_Recensioni Sotto il profilo dei disegni, l’autore sfoggia uno stile morbido e cartoonesco assai piacevole e calzante. Rispetto a La quarta variazione l’evoluzione stilistica è notevole e rilevante, il tratto grezzo e vagamente underground dell’esordio lascia solo qualche eco qua e là nelle tavole di Sfera, soppiantato perlopiù da un segno più pulito e netto, curato nelle forme, negli sfondi e nelle figure umane, che ricordano da vicino l’estetica di alcuni cartoni animati americani dei primi anni 2000 della Disney Television, come Ricreazione, Pepper Ann e Doug.
In tal senso aiuta anche l’utilizzo dei colori, mai troppo accesi ma anzi quasi “piatti”, che in questo modo restituiscono una sensazione realistica e naturale delle scene.

La gestione delle tavole non rincorre uno stravolgimento della gabbia a tutti i costi: la scansione dei riquadri si presenta quindi tutto sommato regolare e, in un racconto che si concentra sui sentimenti, è una scelta che offre il ritmo narrativo adeguato. Si segnalano però alcune quadruple e vignette che si innestano sopra altre vignette, soluzioni grafiche ben giocate, oltre alle cornici “tremolanti” per separare gli spazi.

In alcuni casi Longo disegna dei primi piani intensi dei due protagonisti, concentrati sulle bocche o su altre parti del volto, scelta stilistica peculiare e ricorrente, e spesso si nota assenza di ambientazione dietro ai personaggi: un peccato, questo, perché quando presenti, anche gli sfondi più semplici arricchiscono la scena.

Sfera rappresenta una maturazione sensibile nella carriera di AlbHey Longo, tanto narrativamente quanto esteticamente, un passo in avanti che lo rende più sicuro e concreto nella sua poetica e nel suo approccio narrativo al fumetto. Non solo una conferma del suo talento, ma un rilancio delle sue potenzialità che fanno ben sperare per i suoi prossimi progetti.

Abbiamo parlato di:
Sfera
AlbHey Longo
BAO Publishing, 2019
192 pagine, cartonato, colori – 20,00 €
ISBN: 9788832732160

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su