Invito al massacro (Marchese, Garota)

Invito al massacro (Marchese, Garota)

CoverUn uomo un po’ sbandato si muove traballante, storto, gira per la città, prende il bus, va a casa. Nel frattempo pensa, parla tra sé e sé, riflette, farnetica, racconta la sua vita e il suo mondo.
Sembra di avere a che fare con una versione da bassifondi di Wilson (il personaggio di uno degli ultimi libri di ): l’influenza è evidente per questo libero flusso di pensieri a cui si lascia andare il personaggio – e l’autore –, soprattutto nella prima manciata di pagine; anche se in Invito al Massacro la loquacità è più sanguigna e cruda, forse proprio per l’italianità e sicilianità.
Con il proseguire delle pagine e del percorso il racconto e la dialettica si fanno più corali, in virtù dell’incontro degli sgraziati compagni di sventure del protagonista.
Il narrare di è introspettivo e popolare; la sua idea generale di costruzione del racconto appare però poco chiara, nel susseguirsi di incontri.
Di più difficile lettura sono le scelte stilistiche di , un disegnatore che trae chiara influenza dalla tradizione underground americana e dal fumetto francese più moderno sia per figure che per colori, ma che ha la pecca di non riuscire a mostrare decisione nella caratterizzazione di personaggi troppo spesso diversi a se stessi e dalle proporzioni improbabili. Tutto questo contribuisce a distrarre fin troppo il lettore. Un tentativo non del tutto riuscito, ma comunque un’apprezzabile e coraggioso esperimento narrativo.

 

Abbiamo parlato di:
Invito al massacro
Giovanni Marchese, Davide Garota
Tunuè
brossurato, 128 pagine, colori – € 14,90
ISBN: 9788897165392

 

Footer

5 Commenti

5 Comments

Rispondi

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su