Il dopo Avengers: Endgame, l’animazione targata Rai

Il dopo Avengers: Endgame, l’animazione targata Rai
In questa puntata, uno sguardo ai prossimi progetti Marvel Studios dopo Avengers: Endgame e l'animazione in Rai dopo Cartoons on The Bay.

Attenzione, questo articolo potrebbe fare cenno ad eventi narrati in

e il dopo Avengers: Endgame

Con l’uscita nelle sale dell’atteso Avengers: Endgame, i Marvel Studios hanno chiuso definitivamente un arco narrativo lungo 11 anni, che ha coperto lo spazio di una ventina di pellicole, che hanno visto tra gli altri indiscutibili protagonisti tre personaggi fondamentali quali Iron Man, Thor e Capitan America. Ora, con la conclusione delle loro storyline, si apre per i Marvel Studos una nuova fase sulla quale sorgono spontanee numerose domande che riguardano in particolare i prossimi progetti in lavorazione.

La sensazione principale, al momento, è di un panorama abbastanza neutrale, in cui ancora non è chiaro quale sarà il percorso narrativo che sarà intrapreso dai Marvel Studios, una strada che al momento appare strutturata su pellicole stand alone, anche se il futuro sarà probabilmente portatore di smentite in questo senso. A fornire questo sentore è anche la varietà dei progetti messi in campo, che vedono in fase di sviluppo pellicole come , , , e Doctor Strange 2, che risultano a una prima occhiata molto differenti tra loro per le tematiche affrontate. In almeno un caso, ovvero il film sul personaggio interpretato da , ci troviamo di fronte a un prequel, che è difficile dire se si incastrerà o meno negli eventi di un attuale presente o di un futuro prossimo, soprattutto dopo le vicende che hanno colpito Natasha in Avengers: Endgame.

In questo senso, resta aperto e possibile l’utilizzo di quel determinato franchise in una ottica interamente rivolta al passato, con una “trilogia prequel” che possa esplorare eventi e aspetti inediti del personaggio, anche se questa resta una mera ipotesi. Per il resto, con la fine della storyline che ha riguardato esclusivamente le Gemme dell’Infinito e Thanos, resta da vedere se ci sarà o meno una nuova minaccia, altrettanto importante dal punto di vista narrativo, che possa fungere da collante per i nuovi film dei Marvel Studios.

blackwidow-e1556364277861_Nuvole di celluloide
Scarlett Johansson riprenderà il personaggio della Vedova Nera nel prequel in lavorazione. Ma quale futuro per il personaggi, dopo Avengers: Endgame?

Come unire infatti pellicole come The Eternals e Shang-Chi, le cui tematiche centrali sono da una parte le origini della razza umana, e dall’altra le arti marziali, così alternativi e distanti come concetti? Come collegare i sequel sul Re del Wakanda e il Signore delle Arti Mistiche? E’ molto probabile che le alte sfere dei Marvel Studios abbiano già tracciato una sorta di bozza narrativa, e in questo senso sarà il tempo l’indicatore nei confronti del nuovo quadro generale. Altro discorso merita il personaggio di , che dovrà essere attentamente caratterizzata. Il personagio interpretato da Brie Larson merita infatti una attenzione particolare, che sappia fare breccia nella sua apparente invincibilità, per donare al pubblico qualcuno di più umano e fallibile. In conclusione, la struttura narrativa delle nuove fasi che verranno sarà comprensibile alla vasta platea di spettatori subito, o ci vorrà un po’ perché prenda forma, nella costruzione di nuove storie e nuovi personaggi?

Rai Ragazzi

Rai Ragazzi ha annunciato,  durante Cartoons on The Bay, una nuova linea di titoli in coproduzione, sviluppati per Rai Yoyo, il canale per bambini più popolare in Italia.
Tra i nuovi progetti vi sono Klincus, serie che parla di un orfano che vive in una città costruita sugli alberi. Realizzato dall’autore piemontese Alessandro Gatti e illustrato da Matteo Piana, è basata sulla collana di libri pubblicata da Mondadori. Klincus, animato in CGI, è stato realizzato da Showlab di Torino e Grid Animation.
Altro interessante progetto è, Alice & Lewis, una versione moderna di Alice nel paese delle meraviglie, che segue le avventure di una bambina di 6 anni che ha trovato una chiave magica con il quale aprire le porte di un mondo parallelo: il Paese delle Meraviglie. Qui Alice incontra Lewis, un coniglio molto tenero. Nonostante la strana e spiritosa Regina di cuori che regna su Wonderland, Alice ama andare lì a giocare con Lewis e le sue amiche. La serie è composta da 52 episodi di 11 minuti realizzati da MoBo (una nuova società che riunisce Studio Bozzetto e Movimenti Production di Milano) in coproduzione con lo studio francese Blue Spirit Productions.

tinybadwolf-e1556363835436_Nuvole di celluloide
Tiny Bad Wolf è invece una co-produzione italo-francese tra Maga Animation e Xilam. Narra le avventure di un giovane lupo di nome Lupin che sogna di essere un eroe da favola. Lupin è infatti stufo del fatto che i lupi siano sempre i cattivi. Così, si intrufola nelle fiabe e assume le identità degli eroi, convinto di poter fare le cose altrettanto bene. Anche se le cose vanno sempre male, Lupin è disposto a imparare dai suoi errori.
Altra nuova serie per è Berry Bees, con tre ragazze che conducono una vita apparentemente normale, almeno quando non stanno lavorando per salvare il mondo per conto della BIA. La BIA è un’agenzia segreta che ha scelto le ragazze per andare in missioni in cui gli agenti adulti non possono intervenire. Prodotto da Atlantyca e tratto dalla collana di libri di Fabbri Editore, il cartone animato è pieno d’azione e contiene misteriosi criminali, cospirazioni internazionali e intrighi.

La Rai ha comunque scelto un quadro che affianchi a serie nuove di zecca anche franchise classici ma che puntano a un nuovo pubblico. Tra queste, c’è Barbapapà The New Series, una coproduzione internazionale di Rai Ragazzi creata dallo studio francese Normaal animation in collaborazione con Alice e Thomas Taylor. Vent’anni dopo l’ultima trasmissione della serie animata, Barbapapà The New Series porterà i valori dei personaggi, con lezioni di ecologia, ai bambini di oggi.
In coproduzione con , vi è invece la serie TV animata di , tratta dal fumetto di Luca Enoch e Stefano Vietti.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su