Parliamo di:

Il franchise di Avengers si espande, Brian Michael Bendis dietro le quinte di Powers

In questa puntata: "Avengers: Age of Ultron" e moda, Bendis descrive alcuni passaggi del processo creativo dietro l'adattamento TV di "Powers", l'ultimo film animato DC e molto altro.
Articolo aggiornato il 22/09/2017

Il merchandise di

Mentre la pellicola scritta e diretta da sbarca nelle sale italiane, negli USA dovranno attendere ancora qualche giorno per vedere il sequel sugli eroi più potenti della Terra. Nel frattempo, Disney Consumer Products e Marvel hanno svelato un ampio programma di merchandising, che invaderà i negozi del Nord America poco prima del 1 maggio.
Le numerose linee lanciate comprendono prodotti di Hasbro, LEGO, Hot Wheels, Her Universe, Under Armour, Mad Engine, Jay Franco, Funko, Rubiés Costumes, Little, Brown Books e Disney Store  a cui si affiancheranno anche una serie di titoli di fumetti Marvel e alcune pubblicazioni realizzate da Disney Publishing Worldwide in una collana composta da libri, romanzi per ragazzi ed e-book.
Per la promozione di questo programma, la Marvel ha introdotto una campagna di pre-sensibilizzazione dal titolo Avengers Hero, che sfrutta il nuovo sito dedicato a Vendicatori MarvelKids.com, con la diffusione di un video ogni settimana con obiettivo una specifica fascia di età, quella giovanile, che comprendono anticipazioni inerenti la serie animata Avengers Assemble, i cortometraggi LEGO Marvel Super Heroes e dietro le quinte sui nuovi prodotti di Hasbro, Hot Wheels, Mad Motore e Funko.

Questa campagna multi-sfaccettata della Marvel dietro Avengers: Age of Ultron creerà un precedente per il modo in cui i fan entrano in contatto con il nostro franchising – ha spiegato Paul Gitter, vice presidente senior di licenza Marvel di Disney Consumer Products – le numerose attivazioni di piattaforme digitali presso i punti vendita, introducono personaggi, storyline e prodotti in modo convincente e organico, facendo appello ai fan Marvel giovani e meno giovani.

Lo studio ha inoltre unito le forze con Walmart per creare un applicazione esclusiva per cellulare, “Super Heroes Assemble”, che permetterà ai clienti Walmart di interagire con il film Avengers: Age of Ultron nei negozi sbloccando contenuti esclusivi come avatar dei personaggi principali, foto in 3D, dietro le quinte, interviste. L’applicazione gratuita è disponibile attraverso i negozi di gioco di Apple App Store e Google.

Tra i prodotti facenti parte di questo vaso merchandising è da segnalare la linea di abbigliamento per ragazze realizzato da Her Universe in collaborazione con Disney Consumer, che sarà disponibile nei negozi della catena Hot Topic e online da metà maggio. Ha commentato Paul Gitter:

È emozionante vedere fan Marvel di sesso femminile crescere attraverso la nostra seconda collaborazione con Her Universe, ispirata da uno dei film più attesi del 2015, Avengers: Age of Ultron. Questa collezione porta la consapevolezza della nascente tendenza delle fangirl in modo tradizionale, unendo design elegante con personaggi iconici.

La linea Avengers presenta disegni realizzati dai vincitori del Her Universe Couture Fashion Show, che si è tenuto lo scorso anno al Comic-Con International, Amy Beth Christenson e Andrew MacLaine. Questi due artisti hanno entusiasmato il pubblico con le loro originali creazioni artigianali, ottenendo il massimo dei voti. Come parte del premio, Christenson e MacLaine hanno avuto la possibilità di disegnare una collezione esclusiva di moda con la fondatrice di Her Universe, Ashley Eckstein, ed i risultati di tale collaborazione possono essere visti in questa nuova linea. LaEckstein ha dichiarato:

È stato un piacere lavorare con Amy e Andrew per creare questa linea che dai loro primi schizzi è giunta al prodotto finale venduto nei negozi Hot Topic; la moda Geek è una tendenza che è qui per rimanere.

Questa nuova collezione di Her Universe è composta da abiti e giacche da donna ispirati ai personaggi della pellicola, anche maschili. La collezione di sei pezzi include un abito su Capitan America, uno su Thor, una giacca delle Industrie Stark, un vestito da Vedova Nera e giacca e cintura ispirati a Loki, assente però nel film.  Ha affermato Cindy Levitt, vice presidente senior merchandising e marketing della Hot Topic:

Essere testimone di due designer di talento che capiscono veramente i fan e la loro cultura, vincono un concorso al Comic Con 2014, e vedere le loro idee su Avengers trasformarsi in prodotto reali, rende quello che tutti noi sentiamo veramente autentico, grazie anche a tanto divertimento.

Intanto, Kabam ha distribuito nei giorni scorsi nuove applicazioni per il suo gioco mobile “Marvel Contest of Champions”, ispirato alla pellicola, che vede all’interno del gioco comparire diversi contenuti a tema, accanto a personaggi del film tra cui Ultron, l’armatura Hulkbuster, Visione e Vedova Nera. L’applicazione conterrà anche un filmato esclusivo da Avengers: Age of Ultron.
Infine, tra i prodotti che vi segnaliamo ispirati alla pellicola, vi è anche una bellissima linea ideata dalla Adidas, che comprende scarpe e abbigliamento per bambini e adulti, con T-shirt, pantaloncini, scarpe da ginnastica basati su Hulk, Iron Man e Capitan America. La collezione per i bambini sarà completata da scarpe da ginnastica per adulti in quattro disegni, in cui la fa da protagonista la “Quicksilver” Adizero Prime Boost verde-argento, ispirate al velocista interpretato da Aaron Taylor-Johnson.

Intervistato nei giorni scorsi da CBR, lo sceneggiatore ha avuto modo di parlare della sua esperienza nello scrivere un episodio di Powers, da lui considerata qualcosa di molto differente rispetto allo scrivere una serie a fumetti.

È diverso rispetto ai fumetti, dove ogni parola è scritta dal sottoscritto. Qui, c’è una stanza di sceneggiatori, dove mettiamo il tutto assieme. È stata un’esperienza che non vedevo l’ora di fare. Ci sono esperienze creative che svolgo ogni giorno e che faccio solo per me stesso, ma questo è qualcosa per cui mi sono detto: “Ooh, questo sarà diverso! Come sarà?”.
È accaduto che stavo lavorando su questo episodio e un numero di Powers allo stesso tempo. Stavo effettivamente facendo queste due cose nella stessa settimana, e così è stata una esperienza altrettanto particolare.

Parlando del lavoro sulla serie tv, e sulla possibilità che questo abbia contagiato in qualche modo il suo corrispettivo a fumetti, Bendis ha dichiarato:

Sicuramente sì. Siamo così immersi che è difficile concentrarsi [sul fumetto]. Tra l’altro, poiché nel fumetto i personaggi prendono strade diverse e sono molto più avanti rispetto alla serie televisiva – dovrò guardare indietro tra un anno per vedere come stavano le cose allora. Ho mandato a Sharlto i nuovi #1 e #2, tanto per mostrargli quanto può andare lontano il personaggio, e mi è arrivata una e-mail a lettere cubitali in risposta: “Dobbiamo assolutamente farlo!”. È bello che le cose che stiamo facendo ora possano apparire in futuro: potrebbe esserci la versione di Sharlto , o quella di Susan Heyward. Inoltre, è davvero affascinante che ci sia qualcuno altrettanto interessato a Christian Walker quanto lo eravamo io e Mike, soli nelle nostre stanze.

Bendis ha poi sottolineato come la realizzazione dell’adattamento televisivo di Powers fosse fatto con l’intenzione di andare oltre il semplice episodio pilota.

Il punto è che il nostro primo episodio non era un pilot tradizionale. Nella maggior parte delle serie che vedi, il primo episodio è quasi una proposta per il network. “Questo è ciò di cui vorremmo faceste più episodi.” Ma noi lo stavamo facendo come serie, quindi era il primo di dieci capitoli – ci saranno alcuni elementi tipici di un pilot, come stabilire l’ambientazione e spiegare a tutti chi è chi, ma non era un pilot tradizionale.
In quel mondo televisivo ci sono due tipi di serie. Ci sono serie come Seinfeld, che mostrano immediatamente un’energia particolare, ma quando guardi un episodio di Seinfeld non sembra che sia stato filmato su un palcoscenico. Sembra il garage di qualcuno, e tutti parlano molto lentamente. Eppure, ha qualcosa in più. Entro la metà della prima stagione, sono partiti. L’hanno trovato, quel qualcosa.

Per quanto riguarda i risultati d’ascolto dello show, trasmesso dalla piattaforma di Sony Playstation, Bendis ha dichiarato:

Il passaparola ci ha fatto trovare davvero il nostro pubblico. Inoltre, le persone che possiedono una PlayStation sono molto entusiaste del fatto di avere qualcosa che nessun altro ha, anche se decine di milioni di persone hanno PlayStation. Le persone sono i proprietari della serie, il che è abbastanza lusinghiero: è come se fosse loro.
Inoltre, Eddie [Eddie Izzard ndr] ha una base di appassionati molto grande, così come Sharlto. Sharlto ha un forte seguito come un sex symbol, e ci sono molti luoghi su Internet dedicati a lui. E anche Michelle [Michelle Forbes ndr] ha molti fan. Ci sono un sacco di persone che sono arrivate in questo show da diversi percorsi di vita, e questo ne ha innalzato il livello della serie. E questo è un bene, perché tutto ciò era completamente fuori dal nostro controllo.

Batman Unlimited

In una intervista concessa nel corso della Wonder Con e pubblicata pochi giorni fa da CBR, lo sceneggiatore Heath Corson ha parlato in maniera dettagliata di Batman Unlimited: Animal Instincts, nuovo film animato realizzato da DC Entertainment e Warner Bros. incentrato sull’eroe di Gotham City.

Sono andato a una riunione con Sam Register e Jay Baston, i dirigenti, e Sam ha detto che voleva fare una versione per famiglie di Batman e della Bat-Family. Ho pensato che fosse una grande idea perché un sacco di roba che avevo fatto era davvero oscura, per ragazzi molto molto più grandi. Lui disse: “Nessuno è al servizio di queste persone”, e credo fosse una cosa fantastica, perché avevo appena parlato con i miei nipoti e mia sorella mi aveva detto: “Quando farete un cartone animato che i miei figli possono vedere?” E mi sono detto: “Oh, questo è davvero un buon argomento”, perché hanno cinque e sette anni, amano i supereroi, e sanno che lo zio Heath lavora con i supereroi, ma non possono vedere Assault on Arkham.
Quindi ero molto emozionato e ho detto, “Sai, questa è davvero una buona cosa”. JLA: Trapped in Time [film di animazione distribuito per l’home video qualche mese fa ndr] è uscito, e penso che sia piaciuto molto. Credo di aver visto gente davvero entusiasta di poter mostrare di nuovo ai bambini i supereroi. Ecco da dove viene questo progetto, e alla fine ho detto “fatemi firmare, mi piacerebbe farlo”.

Abbiamo lavorato su una serie di diverse versioni dei protagonisti. Sapevamo che ci sarebbe stato Batman e ci sarebbe stata una spalla proveniente dalla Bat-Family, Red Robin o Nightwing. E io dissi: “Non potremmo mettere entrambi, così da creare una relazione come tra un fratello maggiore e un fratello minore?”
Da lì, credo che sapessero di volere inserire Freccia Verde, e credo sapessero di volere Flash… ma è sempre difficile quando si lavora con un gruppo di personaggi perché si vuole fare in modo che tutti abbiano i loro momenti e che tutti siano lì per una buona ragione, e quindi bisogna intervenire su tutti i personaggi.

Per quanto riguarda invece gli antagonisti da contrapporre a Batman e i suoi alleati , Corson ha evidenziato che la volontà della Warner era di presentare avversari che non si fossero mai visti insieme in precedenza.

Sam Register, dio benedica quell’uomo, mi disse: “Voglio mettere insieme una squadra di cattivi che non sono mai stati messi insieme prima”. Era veramente simpatica l’idea di fargli in maniera tematica, ovvero fare sì che fossero tutti degli animali. Abbiamo pensato “Chi potrebbero essere questi tizi dall’origine animalesca che non hanno mai lavorato insieme e che possiamo usare così da sorprendere il pbblico?” E infatti nel film c’è un momento dove si vede una donna gatto fare irruzione in una gioielleria, rubando gioielli, e Nightwing pensa di stare fermando Catwoman. Ma lei dice “No, c’è più di un villain feilno a Gotham”. E scopriamo che si tratta di Cheetah, ed è stato davvero divertente. Ho avuto modo di mettere insieme una squadra di personaggi che non hanno mai lavorato insieme prima, e questo è sempre molto divertente.

Dc Superhero Girls

DC Entertainment, Warner Bros. Animation, Warner Bros. Consumer Products e Mattel hanno unito le forze per lanciare un nuovo universo di supereroi destinato al pubblico femminile, .
Il nuovo marchio re-immaginerà i personaggi femminili della DC Comics, come Wonder Woman, Supergirl, Batgirl, Harley Quinn, Bumble Bee e Poison Ivy quando erano adolescenti nei loro anni formativi quando cominciano a scoprire i loro super-poteri. Ha affermato Brad Globe, presidente WBCP:

Lo sviluppo di un franchise di supereroi esclusivamente per le ragazze che include tutti i componenti chiave di un intrattenimento completo, è qualcosa che siamo entusiasti di fare in collaborazione con i nostri grandi partner. È davvero un onore essere parte di questo momento culturale e fornire un concetto così radicato che solo i personaggi della DC Comics sono unicamente in grado di presentare.

Ha dichiarato Diane Nelson, presidente di DC Entertainment:

DC Entertainment ospita i supereroi più iconici e conosciuti, tra cui Wonder Woman, Supergirl e Batgirl. DC Super Hero Girls rappresenta l’incarnazione della nostra strategia a lungo termine per sfruttare la potenzialità dei nostri diversi personaggi femminili. Sono contenta che siamo in grado di offrire modelli da seguire facilmente riconoscibili e forti in un modo unico, solo per le ragazze.

Il franchise di Avengers si espande, Brian Michael Bendis dietro le quinte di Powers

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio