BAO Publishing al Salone del libro di Torino 2019

BAO Publishing al Salone del libro di Torino 2019
Tutti gli autori Bao Publishing per i 10 anni di BAO al Salone del libro di Torino: Leo Ortolani, Alberto Madrigal, Alessandro Baronciani, Maicol&Mirco, Capitan Artiglio, Joann Sfar, Marta Baroni, Daniel Cuello, AlbHey Longo, Teresa Radice e Stefano Turconi.

COMUNICATO STAMPA

BAO Publishing annuncia la sua presenza al Salone del libro di Torino dal 9 al 13 maggio 2019, Padiglione Oval, stand W136 – X137.

Festeggiamo i 10 anni di BAO Publishing nell’evento BAO X, domenica 12 maggio alle ore 13:30 in Sala Oro, con gli editori e tanti amatissimi autori del catalogo BAO: Leo Ortolani, Teresa Radice e Stefano Turconi, Alberto Madrigal, Daniel Cuello e Capitan Artiglio.

Attesi gli eventi al Bookstock Village: in sala El Dorado, venerdì 10 maggio alle ore 18:30 “Reading nello studio di Munari” con Alessandro Baronciani che legge il suo graphic novel Le ragazze nello studio di Munari e sabato 11 maggio alle ore 17:30 Due figlie e altri animali feroci con Leo Ortolani.
Lunedì 13 maggio alle 13:00 Marta Baroni, autrice di Uma del mondo di sotto, è tra i protagonisti del progetto per le scuole “Adotta uno scrittore”.

In anteprima: allo stand BAO la nuova edizione di Un polpo alla gola con una nuova postfazione a fumetti inedita e una nuova copertina e Alberto Madrigal dedica Pigiama Computer Biscotti.

Tanti i laboratori: in sala Gotham, venerdì 10 maggio alle ore 11:45 “Palla Rossa e Palla Blu rotolano ancora” con Maicol&Mirco, alle ore 13:00 “Pigiama Computer Biscotti” con Alberto Madrigal. Sabato 11 maggio alle ore 14:15 “Kids with Guns” con Capitan Artiglio.

Tutti gli ospiti che vi aspettano in dedica allo stand BAO: Alessandro Baronciani, Marta Baroni, Capitan Artiglio, Daniel Cuello, Joann Sfar, AlbHey Longo, Alberto Madrigal, Maicol&mirco, Teresa Radice e Stefano Turconi, Leo Ortolani.

BAO_SaloneLibro_Notizie

Contrariamente a quanto illustrato in tabella, Zerocalcare non sarà presente al Salone del Libro. Il motivo lo ha chiarito l’autore stesso con un post su Facebook:

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su