Lasca immagina “Lo Spazio Bianco”

Lasca immagina “Lo Spazio Bianco”
Cos'è “lo spazio bianco”? Com'è possibile riempirlo? La risposta a queste domande è affidata in questa puntata al fumettista e illustratore Lasca.

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?

Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.

Ospite speciale di questa puntata è il grande Lasca con la sua  illustrazione “Sbarre”. Buona visione.

Sbarre

Ho un grande problema con lo spazio bianco inteso come spazio vuoto. Quando disegno fatico a lasciare spazi liberi e non colorati. Se parliamo di fumetti invece, lo spazio bianco per me è un insieme di sbarre dove intrappolare i miei personaggi e fargliene capitare di ogni – Lasca

spazio b LASCA

Lasca

LASCA nasce e vive a Bologna, dove disegna e fa fumetti. Ha esordito nel maggio del 2018 con la sua prima mostra dedicata ai cani, “Canederli“, presso il Lab155 del pittore italiano Francesco Polazzi. Nel novembre dello stesso anno presenta a Bologna “Non siamo poi così diversi”, mostra che rappresenta la vita quotidiana in una Bologna extraterrestre popolata da mostri. Nel 2019 pubblica il suo primo fumetto autoprodotto “Stelle Cadute” con TFC Edizioni: quattro stelle si imbattono nella vita notturna del quartiere Saragozza di Bologna scontrandosi con i suoi abitanti.

CONTATTI
Instagram
Facebook

foto bio

1 Commento

1 Commento

  1. Chiara Baldini

    12 Maggio 2020 a 20:48

    È bravo, e geniale… i suoi mostriciattoli spaccano, e non vedo l’ora di andare alla prossima mostra… è solo agli inizi e ci stupirà ogni volta di più con il suo senso di Arte ed Umorismo, ne sono sicura! ;)

Rispondi

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su