Parliamo di: / /

La Marvel guarda agli Emmy

Puntata incentrata sugli Emmy Awards e gli show Marvel/Netflix; inoltre news sulle strategie licensing della Warner, l'animazione e altro ancora.
Articolo aggiornato il 22/09/2017

Marvel e gli Emmy

Mancano pochi giorni alle nomination per i Primetime Emmy Awards, il più importante e ambito riconoscimento televisivo a livello internazionale, ma già da qualche settimana negli USA sono in corso le campagne che porteranno alcune serie televisive e i loro interpreti a essere inclusi nella lista dei nominati, mentre molti altri verranno esclusi. Anche la Marvel guarda con interesse a questo appuntamento, e lo fa puntando con forza su due degli attori migliori apparsi nei serial Jessica Jones e Daredevil.

In una lunga conversazione con Deadline, l’attore , che ha colpito tutti con la sofferta e bellissima interpretazione di Frank Castle/Punitore nel serial sull’eroe di Hell’s Kitchen, ha definito il pubblico composto dai fan dei fumetti come “il più appassionato e intelligente che ci sia”, per poi sottolineare l’isolamento forzato che ha dovuto affrontare per entrare nel personaggio.

Ho sentito veramente che per me fosse necessario eliminare i comfort, isolarmi dalla mia famiglia, per essere convolto realmente e attivamente ed essere aperti a un livello relativo di oscurità nella mia vita…Non credo di avere mai avuto una vera nostalgia o aspirazioni coscienti nell’essere coinvolto nel genere supereroistico. Non è mai stato davvero qualcosa che ho perseguito. Ciò che mi ha afferrato di Frank è che lui è la quintessenza opposta di tutto questo. Non ha superpoteri. È incredibilmente umano. È l’umanità che lo rende una tale forza da non sottovalutare. È un uomo che ha sofferto una perdita incommensurabile… È un cuore spezzato, un uomo completamente isolato che ha perso la moglie e i figli. Sta cercando di trovare queste persone che hanno preso il suo cuore, e sta cercando di ucciderli, nel modo più brutale possibile. L’ho detto prima, non credo che sarei mai stato in grado di assumere questo ruolo se non fossi stato un padre e un marito io stesso.

Per capire davvero che cosa significa amare qualcuno, amare le persone più di quanto amate voi stessi, e per dare volontariamente la vita per loro in un baleno. Fino a quando non si ha realmente capito questo, non credo che si possa cominciare a capire che cosa sarebbe perdere quell’amore. Penso solo che per me in questo momento della mia vita con tre bambini piccoli e una relativamente nuova famiglia, era una cosa che mi ha davvero spaventato. È sempre stato un mantra del sottoscritto. Nell’arte, se qualcosa ti spaventa, corri verso di esso. Ecco dove devi andare.

È una gioia assoluta lavorare per . Mi piace il loro modello. Non c’è sistema migliore per raccontare una storia. Consente di essere incredibilmente audaci con la narrazione. Ti consente di correre rischi enormi… Penso che con un personaggio come Frank Castle, è davvero importante andare fino in fondo. Quando hai un momento di brutalità, renderlo pienamente brutale, e quindi cercare di spiegare quello che ha fatto con il rimpianto e il rimorso e la vergogna.

L’attore ha infine affrontato lo spin-off sul Punitore, confermato qualche settimana fa, dicendosi entusiasta e pronto a dare piena soddisfazione ai fan del personaggio dell’antieroe Marvel.

Sono tremendamente entusiasta. Vedo questo come una vera gioia, una vera responsabilità e un vero onore interpretare Frank Castle. Mi sento come se fosse nelle mie ossa ora e lui è nel mio cuore. Sono pronto ad andare avanti con lui. Per quanto riguarda ciò che questo show sarà, e quando sarà girato, e dove sarà girato purtroppo non so niente. È un po’ una parte integrante del modo in cui funziona la Marvel. L’informazione è sicuramente una necessità per conoscere le basi. Sono nervoso, e voglio solo fare giustizia a questo personaggio e al suo mondo.

Intervistate da Deadlne anche Krysten Ritter e la showrunner Melissa Rosenberg, le quali hanno avuto modo di parlare dettagliatamente dell’investigatrice privata dotata di superpoteri.

È la sfida creativa più gratificante che abbia mai affrontato – ha dichiarato la Ritter – Appena ho avuto la parte, sono andata in palestra, a farmi metter sotto da un allenatore, facendo sollevamento. Sono una ragazza allampanata. Non sono fica come Jessica Jones, così ho dovuto cambiare la mia postura. Ho passato da tre a quattro ore con un insegnante di recitazione, che mi ha illustrato su come costruire il retroscena del personaggio. In TV tutto avviene così in fretta, si girano scene all’ultimo minuto. Avere una solida base per Jessica mi ha preparato per diverse scene che si verificherebbero in un solo giorno.

Quando conosci il tuo personaggio così bene, sai come ascolta e come risponde. Si tratta di lavoro di preparazione, resistenza, dell’immergere tutta te stessa. Mi sono preparata a New York. Io vivo a Los Angeles per lo più, e ho un sacco di amiche e una vita piena. Ma a New York, ho avuto un appartamento ammobiliato a caso, le mie amiche non erano lì, e ho vissuto in completo isolamento. Questo mi ha aiutato a entrare nel personaggio.

La Rosenberg ha parlato delle differenze sostanziali che il progetto aveva quando questi era in produzione alla ABC, prima di approdare a Netflix, e di come l’approdo alla Tv in straming abbia aiutato a costruire una profondità maggiore nella trama e nei personaggi.

Quando si dispone di una serie che è in onda ogni settimana con interruzioni pubblicitarie, si presta allo scenario “caso della settimana”. È stato pesantemente indirizzato in quella direzione all’inizio. Era destinato ad essere uno show meno grintoso e crudo. Ma quando è arrivato a Netflix, non stavamo cercando qualcosa con interruzioni pubblicitarie, ma qualcosa da guardare… a Netflix, c’era più interesse nel creare profondità e più tempo per l’evoluzione dei personaggi.

La serie è iniziata con così tante discussioni femministe che non avevo previsto – ha infine aggiunto la Ritter – La gente viene da me e trova senso in cose che non mi rendevo conto stessi facendo. Penso che le persone godano nel vedere una donna che non guarda in un certo modo, che è forte, dà calci in culo… Lei mostra una forza reale. Sono commossa fino alle lacrime quando le persone mi dicono che lo show le ha aiutate: “Grazie per averlo fatto con integrità. Ho il PTSD. Questo è ciò che si sente”. Così tante persone si sentono rappresentate da Jessica e questo è rinfrescante e sorprendente.

Warner e Parragon

In vista dell’uscita dei film e , Warner Bros. Consumer Products ha annunciato un accordo pluriennale con la britannica Parragon per sviluppare una serie di libri e regali riguardanti Batman, Superman, Wonder Woman, Justice League.
L’editore svilupperà anche una collezione di prodotti di marca come Happy Tins, una scatola regalo che comprende libri, poster, adesivi, penne da colorare, libri di racconti e libri adesivi così come altri nuovi prodotti, tra cui Fumetti da colorare.

Il portfolio di Warner Bros. Consumer Products è il sogno di ogni editore – ha dichiarato dice Vickie Voss, global license director di Parragon – È veramente iconico, ricco di contenuti e sinceramente diversificato in quanto è dotato di un personaggio per tutti. Siamo lieti di avere l’opportunità di combinare la nostra esperienza editoriale e la conoscenza dello sviluppo di formati accattivanti per creare prodotti che portano queste proprietà mondiale di intrattenimento alla vita sulla pagina.

I nuovi prodotti di Parragon cominceranno a essere distribuiti questo autunno nel Regno Unito, Nord America, Australia e Asia.

Sono entusiasta di collaborare con Parragon – ha dichiarato Preston Kevin Lewis, direttore generale, WBCP U.K. e Irlanda – Vickie e il suo team hanno una comprovata capacità di sviluppare prodotti di licenza innovativi proteggendo sempre il DNA dei nostri personaggi e delle nostre properties. Questa accoppiata con l’ottima intuizione di consumo di Parragon e la sua vasta rete di vendita globale guiderà una significativa crescita reciproca dell’editoria.

Codename Housewife

La londinese GFM Films e la Home Plate Entertainment Company di Bill Schulz stanno collaborando per sviluppare e produrre il lungometraggio in stop-motion animata dal titolo Codename Housewife: The Case Of The Missing Rock Stars, basato su un cortometraggio sudcoreano.
La pellicola sarà diretta da Will Vinton, vincitore di un premio Oscar, e dal coreano Hong Sukhwa, mentre Jim Cox (FernGully, Oliver & Co) è al lavoro sulla sceneggiatura.
L’animazione sarà realizzata presso il Pangao Studio di Pechino, nell’ambito di un accordo tra China Film Group e Home Plate Entertainment, che vedrà la società cinese che sovrintende la distribuzione nel paese asiatico, finanziare il 50% del budget totale del film e garantire l’uscita in Cina nell’estate 2018 in quello che è un mercato dell’animazione considerato in crescita.
Il progetto è incentrato su una casalinga ordinaria, oberata di lavoro e sottovalutata che si ritrova reclutata da una forza di sicurezza internazionale, al fine di salvare alcune famose rock star rapite da un folle super-cattivo. Secondo quanto dichiarato dai realizzatori, sono previste nel film apparizioni di numerose celebrità musicali.

La Marvel guarda agli Emmy

Cinebrevi

Warner Bros. Worldwide Television Marketing ha diffuso le immagini delle chiavi per camere di hotel raffiguranti alcune delle serie di punta prodotte dallo studio, realizzate per il Comic Con. Quasi 40.000 delle chiavi saranno disponibili presso quasi 40 hotel di San Diego.

L’etichetta australiana di moda Milk ha svelato la sua nuova linea di abbigliamento ispirata alla pellicola diretta da . La nuova linea presenta bomber, top e gonne ispirati ai personaggi del film , tra cui il Joker e Harley Quinn.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio