King of Eden #1/2 (Nagasaki, IGNITO)

King of Eden #1/2 (Nagasaki, IGNITO)
Un virus che trasforma gli uomini in mostri, un cattivo dal passato, un protagonista che dalla maledizione ha ottenuto grandi poteri: elementi triti e ritriti che Takashi Nagasaki, con i disegni di IGNITO, cerca di valorizzare con una spruzzata di fantapolitica e fantarcheologia.

KingOfEden1_BreVisioni Degli scavi in Ungheria riportano alla luce un antico virus che ha dato origine alle leggende sulla licantropia, capace di trasformare gli uomini in bestie feroci e violente. Un virus che diventa ben presto ambito da vari gruppi terroristici e che rischia di trasformarsi in epidemia. Sulle sue tracce, un gruppo capitanato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’archeologo Taeje Yu, che al virus è sopravvissuto con poteri sovrumani.
(cosceneggiatore di tante opere di Naoki Urasawa) intreccia un racconto che a un impianto narrativo piuttosto scontato, soprattutto per quanto riguarda il protagonista e la sua lotta, aggiunge una sferzata di realismo coinvolgendo l’OMS, l’Europol e trafficanti d’armi, e arricchendo la trama con elementi di fantarcheologia. Sono queste le cose migliori di un manga altrimenti senza grande attrattiva, con una cadenza lenta e con misteri che sembrano di facile risoluzione.
I disegni del sudcoreano Lee Sangcheol, in arte IGNITO, sono realistici e dettagliati, virando verso una linea spezzata e nervosa quando devono ritrarre le vittime del virus e le carneficine da loro provocate, ma i personaggi appaiono poco espressivi e troppo spesso in pose d’effetto poco naturali. Un manga che fatica a sollevarsi da una certa mediocrità, ma che va ammesso almeno ci prova un poco.

Abbiamo parlato di:
King of Eden #1/2
Takashi Nagasaki, IGNITO
Traduzione di Ilmia Calistri
, aprile/giugno 2019
208 pagine, brossurati, bianco e nero – 5,90 € cada
ISBN: 9788822613820, 9788822614063

Acquista il primo volume su Amazon >>>
Acquista il secondo volume su Amazon >>>

King-Of-Eden-1_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su