Iron Man & i Potenti Vendicatori #11

di AA VV
, feb. 2009 – 80 pagg. col. spil. – 3,30euro
Dietro la “versione Skrull” di una delle più famose copertine dei Vendicatori di troviamo una storia fondamentale per comprendere i retroscena della misteriosa sparizione di Nick Fury, conseguenza dell’apparentemente insulsa Guerra Segreta di qualche tempo fa. , col suo segno sporco e graffiante, contribuisce a creare l’atmosfera tenebrosa del complotto, ben ordita da , assai abile nel generare curiosità circa l’identità dei vari agenti Skrull infiltrati. Esito, questo, tutt’altro che banale, considerata la mole di storie con cui il brillante deus ex machina della è costretto a confrontarsi; e se non tutte le future rivelazioni risulteranno così sorprendenti e qualcosa apparirà forse anche forzato, la tensione narrativa per ora regge bene e i comportamenti dei personaggi paiono convincenti. A seguire due storie di , non ancora inserite nelle trame di . “Con il pugno di ferro” (parte 2 e 3), scritta da Stuart Moore con e ai disegni, non diverte quanto il precedente ciclo degli Knauf, pur continuando sulla stessa falsariga tra il genere spionistico e la lotta al terrorismo. Non diverte perché ciò che racconta è abbastanza insipido e poco coinvolgente e i disegni – pur discreti – non bastano a risollevare la situazione. In chiusura di sommario una storiella ambientata nel passato che, oltre a essere una curiosità per Marvel Zombi, non è del tutto inefficace nel delineare retrospettivamente i dubbi e le angosce sia di Tony Stark che di Hank Pym, autore quest’ultimo di una gustosa battuta sulle sue varie identità supereroistiche. Non indimenticabile ma gradevole, a firma dello scrittore Dwayne McDuffie e di , qui solo disegnatore, con uno stile vagamente retro’ che si concilia perfettamente con l’ambientazione temporale. (Paolo Garrone)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *