Dylan Dog #392 – Il primordio (Barbato, Martinello)

Dylan Dog #392 – Il primordio (Barbato, Martinello)
Nel numero 392 di Dylan Dog, Il primordio, scritto e sceneggiato da Paola Barbato e disegnato da Paolo Martinello, continua il ciclo della meteora ideato da Roberto Recchioni.

1552405060793.png-il_primordio___dylan_dog_392_cover-e1557321938729_BreVisioni L’indagatore dell’incubo entra improvvisamente in possesso di uno speciale artefatto in grado di sovvertire la realtà. Con questa nuova avventura scritta da , al terzo numero consecutivo, il ciclo della meteora entra nel vivo, grazie a una serie di dettagli capaci di immergere il lettore in un clima di apocalisse imminente mostrando, ad esempio, le persone intente a fare scorte di cibo, razziando i negozi,  in attesa che arrivi il peggio.
L’albo presenta luci e ombre, soprattutto dal punto di vista narrativo: la storia, grazie a una buona gestione del ritmo, inizia bene, catapultando Dylan in una serie di eventi che sfuggono alla sua comprensione.
La tensione cala però nella parte centrale dell’albo, riproponendo per certi versi le situazioni iniziali senza aggiungere nulla di nuovo, pur presentando una chiave di lettura originale nel modus operandi delle divinità oscure che si muovono dietro le quinte.
Il finale, sviluppato forse in modo leggermente affrettato, riesce però a riportare la storia nella giusta direzione grazie a un colpo di scena gradevole seppur privo del giusto pathos visto il potere smisurato delle entità coinvolte.
Molto curati i disegni di che riescono a donare un grado di immersività elevato attraverso un tratto sporco, cupo e ricco di particolari. Le tavole in cui si vedono i palazzi cittadini accartocciati su se stessi (con un rimando esplicito al film Inception), sono forse quelle in grado di rappresentare al meglio il taglio onirico/straniante dell’intero albo.

Abbiamo parlato di:
#392 – Il primordio
Paola Barbato, Paolo Martinello
, maggio 2019
96 pagine, brossurato, bianco e nero – 3,50 €
ISBN: 977112158004790392

Catturadyd392_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su