Dieter è morto (Furini, Chemello, Innocente)

Dieter è morto (Furini, Chemello, Innocente)
Con Dieter è morto, nuovo volume dell'universo Timed edito da Shockdom, Maurizio Furini, Federico Chemello e Agnese Innocente ci raccontano una dura storia di razzismo e prepotenza.

die-1-1_BreVisioni Dieter è morto. Dieter era una ragazzo schivo, taciturno e intelligente, così tanto da essere iscritto tre classi avanti. Si è suicidato gettandosi dal tetto della scuola frequentata anche da Niklas, che è toccato duramente dalla vicenda e decide di indagare sulla vicenda.
Il volume sceneggiato da Maurizio Furini, che fa parte dell’universo supereroistico Timed pubblicato da , è una malinconica e dura storia di crescita adolescenziale, in cui le difficoltà del passaggio sono in questo caso acuite da fattori come bullismo, razzismo e da quell’ignoranza che rende la gente cieca, crudele. Seppur raccontando una storia “classica”, contraddistinta da canoni narrativi ben precisi, dove si può immaginare sin dall’inizio cosa possa essere successo realmente, i due scrittori sparigliano le carte con un finale shoccante e disturbante, dove il confine tra vittima e carnefice diventa labile.
Il libro fa paura proprio perché ciò che racconta potrebbe capitare nella realtà; Niklas, seppur dotato di poteri, rappresenta uno dei tanti giovani che potrebbero reagire alle ingiustizie e alle pressioni con risultati devastanti.
Convincente la prova di esordio per il mercato italiano di Agnese Innocente ai disegni, sebbene manifesti sporadiche difficoltà nella gestualità dei corpi nelle sequenze più concitate e nella resa degli sfondi. La giovane disegnatrice si segnala per un’ottima recitazione dei volti, davvero comunicativi, e per la raffinatezza e delicatezza del tratto, oltre che per la bella e azzeccata colorazione contraddistinta da colori pastello.

Abbiamo parlato di:
Dieter è morto
Maurizio Furini, Federico Chemello, Agnese Innocente
Shockdom, 2017
64 pagine, cartonato, colori – 15,00€
ISBN: 9788893360937

die-2-1_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su